5 uccelli nettarivori che forse non conoscete

13 ottobre, 2020
Gli uccelli nettarivori basano la loro dieta sul consumo del nettare dei fiori. In questo articolo vi mostriamo alcuni dei più bei nettarivori esistenti in natura.

Nelle regioni tropicali e temperate del pianeta ci sono molti uccelli succhiatori di nettare o nettarivori. Alcuni degli uccelli più rappresentativi di questo gruppo sono gli uccelli appartenenti alla famiglia Nectariniidae in Africa e gli uccelli mangiatori di miele (famiglia Meliphagidae) in Australia.

Nella regione tropicale del continente americano, i nettarivori sono gli uccelli della famiglia Trochilidae, noti anche come colibrì. All’interno di questa famiglia ci sono circa 300 specie diverse.

Ma sembra che ci siano anche altre specie che non appartengono a questa famiglia che si nutrono di nettare. Continuate a leggere per saperne di più sugli uccelli nettarivori.

Cos’è il nettare?

Prima di tutto, per capire il modo di vivere di questi curiosi uccelli, bisogna sapere cos’è il nettare e perché è così nutriente per loro. Tuttavia, è importante sottolineare che la sopravvivenza di nessun uccello può dipendere esclusivamente dal nettare, poiché non contiene abbastanza amminoacidi essenziali.

Il nettare è un liquido composto principalmente da zucchero, in particolare dal saccarosio. A volte contiene anche polisaccaridi, amminoacidi e lipidi. Le piante produttrici di nettare lo usano esclusivamente come strategia per attirare gli impollinatori.

Le piante impollinate dagli uccelli hanno spesso fiori rossi (i migliori colori vedono gli uccelli) e sono inodori. Quando l’uccello si avvicina per prendere il nettare, accanto ad esso cattura il polline che può depositare sul prossimo fiore che visita. In questo modo promuove l’impollinazione delle piante.

Curiosità sugli uccelli nettarivori

La natura è previdente, per cui gli uccelli che succhiano il nettare possiedono tutti gli strumenti morfologici per consumare questa sostanza e per digerirla. Devono anche assumere piccole quantità di insetti per completare la loro dieta. Infatti, una dieta basata esclusivamente sul nettare genererebbe delle carenze nutritive molto gravi negli uccelli.

  • Gli uccelli nettarivori hanno il becco lungo e stretto, alcuni leggermente curvo verso il basso.
  • Anche la lingua solitamente è molto lunga, con sporgenze di diversa natura che aumentano la superficie e facilitano l’estrazione del nettare.
  • L’apparato digerente di questi uccelli è molto piccolo. Inoltre, i ventrigli (una parte muscolare dello stomaco molto sviluppata negli uccelli granivori) sono molto muscolosi.
  • Il loro apparato digerente non possiede il cieco intestinale tipico degli altri uccelli.
  • Il nettare viene digerito rapidamente e produce molta urina. Per prevenire la perdita di elettroliti durante la notte, alcuni uccelli nettarivori interrompono la loro funzione renale.
  • Per ottenere i nutrienti che il nettare non fornisce, questi uccelli trascorrono parte del loro tempo alla ricerca di artropodi dal corpo molle.
  • Gli esemplari più giovani cominciano con una dieta a base di artropodi per poi passare a consumare il nettare man mano che crescono.

5 specie di uccelli nettarivori

Successivamente, vi mostreremo alcuni degli uccelli succhiatori di nettare più belli e vi sveleremo anche alcune curiosità sulla loro origine e sul loro stile di vita.

Nettarinia malachite

Nel sud-est dell’Africa vive uno dei più bei uccelli nettarivori, la nettarinia malachite (Nectarinia famosa). Appartiene al gruppo degli uccelli Nectariniidae che, a differenza dei colibrì, si appollaiano sulla pianta per mangiare.

Durante la stagione riproduttiva, il maschio della Nettarinia malachite acquisisce un colore blu-verde molto brillante sotto i raggi del sole. Inoltre, due delle piume della sua coda sono lunghe fino a 10 centimetri. Si nutre principalmente di nettare, ma va anche a caccia di insetti.

Uccello azzurro su un fiore.

Cinnyris venustus

È un altro uccello della famiglia Nectariniidae. Il petto giallo brillante e il resto del corpo blu, che cambia colore alla luce del sole, lo rende uno degli uccelli più belli del mondo. Le femmine, a differenza dei maschi, hanno una colorazione più discreta, ma sempre con il petto giallo.

Sono uccelli esperti nell’arte della nidificazione, che creano dei magnifici nidi tra i rami degli alberi. Come altri uccelli succhiatori di nettare, mangiano una quantità maggiore di insetti durante la stagione riproduttiva.

Uccello dal piumaggio colorato.


Phylidonyris novaehollandiae

Il Phylidonyris novaehollandiae è un uccello endemico dell’Australia meridionale. I maschi e le femmine sono molto simili tra loro: hanno il corpo nero con delle strisce bianche. Anche l’iride è bianca, mentre le piume delle ali sono gialle.

Di solito vivono in grandi gruppi per evitare i predatori e tendono a formare delle coppie monogame. Non sono rigorosi uccelli nettarivori, poiché mangiano anche artropodi come grilli e ragni. Inoltre, si nutrono dello zucchero che alcuni insetti psillidi secernono.

Foto di un uccello su un ramo.

Uno degli uccelli nettarivori: Philemon yorki

Il Philemon yorki si distingue nettamente dagli altri uccelli della famiglia per le sue caratteristiche fisiche. Abita le foreste tropicali vicino alle coste del Queensland, in Australia.

Non si può dire che sia un bellissimo uccello, infatti la sua testa è praticamente priva di piume, che lasciano scoperta la pelle nera. Il resto del corpo è ricoperto da un piumaggio marrone chiaro.

Il becco è più largo rispetto al resto delle specie di uccelli nettarivori tropicali e ha una sporgenza che molto probabilmente serve durante il rito di corteggiamento.

Come il resto degli uccelli di questo gruppo, si nutre principalmente del nettare dei fiori. Non avendo piume sul viso, mantiene una maggiore igiene evitando che questo si attacchi alle piume.

Eremita verde.

 

Eremita verde

L’eremita verde (Phaethornis guy) appartiene a una sottofamiglia della famiglia Trochilidae, a cui appartengono i colibrì. Ciò che rende diverso questo gruppo è che hanno tutti un becco particolarmente ricurvo e le piume della coda molto lunghe.

Questo uccello vive nelle foreste umide della Colombia e Costa Rica, Ecuador, Panama, Perù e Venezuela. Si trovano soprattutto ad alta quota, tra gli 800 e i 2000 metri di altitudine.

Come suggerisce il nome, questi uccelli hanno il piumaggio di una tonalità verde. Allo stesso modo dei colibrì, gli eremiti verdi continuano a sbattere le ali mentre succhiano il nettare dai fiori.

Colibrì che si avvicina ad una pianta. Uccelli nettarivori.

Stato di conservazione degli uccelli nettarivori

Nella maggior parte dei casi lo stato di conservazione di molte delle specie che si nutrono di nettare è sconosciuto. Questo perché si tratta di animali molto sfuggenti, veloci e timidi.

Come accade per molte altre specie animali, la distruzione del loro habitat ne minaccia la sopravvivenza. Altre minacce incombenti per questi uccelli sono l’agricoltura intensiva, la costruzione di strade e il disboscamento illegale.

È importante sapere che molti di questi uccelli si sono evoluti parallelamente a delle specie specifiche di piante. Se queste scompaiono, gli uccelli non avranno più un posto dove prendere il nettare.

  • BirdLife International. 2016. Phylidonyris novaehollandiae. The IUCN Red List of Threatened Species 2016: e.T22704361A93964734
  • BirdLife International. 2018. Nectarinia famosa. The IUCN Red List of Threatened Species 2018: e.T22717979A132114939.
  • Estévez Varón, J. V., & Castaño-Villa, G. J. (2014). riQueZa y aBundanCia de aVes fruGíVoras y neCtaríVoras en una PlantaCiÓn de aliso (Alnus acuminata) y un BosQue seCundario en los andes Centrales de ColoMBia. BOLETÍN CIENTÍFICO CENTRO DE MUSEOS MUSEO DE HISTORIA NATURAL Vol. 18 No., 67.
  • Miller, R. S. (1937). The Helmeted Friar-bird. Emu-Austral Ornithology, 36(4), 249-253.
  • SMITH-RAMÍREZ, C. E. C. I. L. I. A., & Armesto, J. J. (1998). Nectarivoría y polinización por aves en Embothrium coccineum (Proteaceae) en el bosque templado del sur de Chile. Revista Chilena de Historia Natural, 71(1), 51-63.
  • undefined. 2018. Cinnyris venustus. The IUCN Red List of Threatened Species 2018: e.T22717826A131882422