Sapevate che anche i cani possono essere intolleranti al glutine?

24 aprile, 2017
 

Al giorno d’oggi possiamo vedere prodotti senza glutine ovunque. Qualsiasi stabilimento addetto alla vendita di cibo dispone di una grande varietà di tali prodotti. La celiachia, infatti, è una malattia che interessa numerose persone. Purtroppo, questo disturbo può colpire anche i nostri animali domestici. 

Per conoscere meglio questa patologia, come trattarla e in che modo capire se il proprio cane è intollerante al glutine, abbiamo deciso di parlarne in questo articolo.

Cos’è l’intolleranza al glutine?

Il glutine è una proteina presente in diversi alimenti, come il grano, l’avena, l’orzo ed altri. Uno qualsiasi di questi cereali, così come altri alimenti, contiene glutine, anche se in piccole quantità.

Una volta detto questo, bisogna sapere che alcuni organismi non riescono a tollerare e digerire questa proteina. Tale condizione si traduce in un’intolleranza che può causare problemi più seri.

Attenzione, però, non bisogna confondere intolleranza con allergia. Un’allergia è una reazione del corpo ad un elemento non tollerato dall’organismo, mentre l’intolleranza al glutine è una malattia che, man mano che si assumono gli alimenti “vietati”, danneggia le pareti dell’intestino. Potrebbe anche causare danni peggiori sia al sistema digerente sia ad altri organi.

 

Qualsiasi cane può presentare questa intolleranza, anche se di solito essa dipende da fattori genetici. Ci sono, infatti, razze più propense a soffrirne, come il Setter Irlandese o il Samoiedo.

Come sapere se il proprio cane è intollerante al glutine

Potrebbe sembrare strano da determinare, ma vi diamo gli strumenti necessari per rendere più facile questo compito.

A seguire trovate alcuni dei sintomi che un cane con intolleranza al glutine può presentare:

  • Vomito e diarrea. Come abbiamo già detto, il glutine danneggia il sistema digerente del cane, dunque la prima reazione dell’organismo sarà eliminarlo tramite vomito e diarrea. Questi episodi si presenteranno sempre qualche minuto dopo aver mangiato e saranno costanti. Vuol dire che non dovete pensare che il vostro cane presenti intolleranze alimentari se gli è capitato qualche volta di vomitare o avere la diarrea.
  • Prurito. Una reazione all’intolleranza al glutine può essere secchezza della pelle ed irritazione anale. Se il vostro cane si lecca più del normale, soprattutto il posteriore, o se striscia a terra grattandosi più di quanto faccia di solito, non ci sono dubbi: è intollerante al glutine.
  • Difficoltà respiratorie. Il glutine può compromettere anche le vie respiratorie causando infiammazione, prurito e starnuti, poiché irrita la gola e le cavità nasali.
  • Convulsioni. Se avete trascurato gli altri segnali per diverso tempo, è possibile che il vostro cane ad un certo punto abbia le convulsioni. In questo caso, ha bisogno di immediato intervento veterinario, perché non c’è tempo da perdere.
 

Per essere sicuri che i cambiamenti di condotta e nel corpo del cane sono realmente conseguenza di un’intolleranza al glutine, bisogna portare l’animale dal veterinario. Questi realizzerà i dovuti esami delle urine, di sangue e feci, così come una radiografia addominale ed un test d’insufficienza pancreatica.

Cosa faccio se il mio cane è celiaco?

E cosa succede se dopo aver osservato il vostro cane e aver realizzato le dovute prove, risulta essere intollerante al glutine? Non si tratta assolutamente di una condizione difficile da affrontare.

Al giorno d’oggi, con tanti progressi, vi è cibo adatto ai cani intolleranti al glutine. Potete trovarlo in quasi tutti i negozi per animali e prodotti veterinari, infatti tutte le marche principali come Affinity, Pedigree ed altre presentano linee di mangime senza glutine.

Se al vostro cane date da mangiare anche cibo crudo, ricordate che non deve contenere farina né nessun altro componente che presenti glutine. Potete trovare anche scatolette di cibo per cani senza glutine, che potrete usare in sostituzione della dieta cruda ed assicurarvi, così, che l’animale non riceva in alcun modo tale sostanza.

 

Anche se è possibile che la notizia vi abbia colti di sorpresa, perché forse non sapevate che anche i cani possono essere affetti da questa intolleranza, non preoccupatevi. Il mondo avanza in fretta e non sempre con conseguenze negative. È il caso di alcune malattie prime sconosciute, come la celiachia, e che al giorno d’oggi sono considerate più che normali.

Questo favorisce la possibilità di trovare prodotti adatti al caso, sia per le persone sia per i cani che presentano intolleranza al glutine. Un’ulteriore vittoria per la scienza e per le marche che lanciano sul mercato prodotti innovativi, ma necessari.