Il cane da pastore dei Pirenei a pelo lungo

02 maggio, 2018
 

Nonostante sia di taglia piccola, il pastore dei Pirenei è un cane molto affettuoso, simpatico e, soprattutto, pieno di energie. Se state pensando di adottare un animale domestico, beh quest’esemplare farà innamorare i vostri figli. La sua personalità allegra e la voglia di giocare lo rendono il cane ideale per la vita in campagna. Conosciamolo assieme, in questo articolo.

Storia del pastore dei Pirenei

Come potete immaginare, questa razza è originaria della Francia e, più specificamente, proviene dalla zona montuosa dei Pirenei. È una delle razze più antiche del paese transalpino e, anche se si ritiene che abbia antenati asiatici, la sua esatta origine è ancora sconosciuta.

La sua acutezza mentale e il suo carattere protettivo gli diedero il ruolo di cane messaggero delle truppe francesi durante la prima guerra mondiale. La razza cominciò ad essere apprezzata sul mercato tra il 1920 e il 1925. Fu l’epoca in cui iniziarono a trovare spazio i primi allevamenti, che si occupavano di promuovere e mantenere le loro caratteristiche originali.

Oggi, il suo superiore senso dell’orientamento e l’istinto protettivo rendono il pastore dei Pirenei a pelo lungo un’ottima guida e cane da guardia per le mandrie.

Morfologia e caratteristiche

Il principale segno distintivo di questa razza è la sua pelliccia, che varia a seconda della sua zona di origine. Possiamo trovare due varietà: il pastore dei Pirenei a pelo lungo e a pelo corto.

La sua corporatura atletica e le ridotte dimensioni gli permettono di raggiungere grandi velocità e di avere sempre moltissime energie residue. Potremo quasi dire che non si stanca mai. Il pastore dei Pirenei è inquieto e richiede spazi aperti per correre e sfoggiare tutta la vitalità che caratterizza questa magnifica razza francese.

 

Nelle piccole case, come negli appartamenti, è probabile che assuma un comportamento nervoso. Ansia e stress derivano anche dal fatto che non sopporta la solitudine. Non è necessario avere una casa sulle Alpi per poter rendere felice questo cane, ma un giardino e degli spazi verdi vicino sono una condizione sine qua non per poter adottare tale razza.

La sua figura snella, particolarmente adatta a correre, rende le sue facoltà simili a quelle di un cane da caccia. Possiamo anche mettere in relazione il suo temperamento e il suo aspetto con quelli dell’Australian shepherd. Entrambi condividono la stessa corporatura atletica e la loro caratteristica pelliccia. Di medie dimensioni, la sua altezza non supererà mai i 48 cm.

Attività fisica e cure

Ogni cane che si rispetti deve muoversi ogni giorno. Questa razza, abituata a guidare le mandrie e proteggerle dagli animali selvatici, in particolare dai lupi, ha bisogno di stimoli fisici e mentali costanti.

un esemplare di pastore dei Pirenei durante un percorso di agility

Prima di scegliere questo cane per la vostra casa, pensate bene alle vostre abitudini, dal momento che il pastore dei Pirenei non è adatto a persone pigre o sedentarie. Sarà necessario dedicargli tempo, farlo addestrare e fargli fare attività e sport per cani molto vivaci, come l’agility, il lancio del frisbee e via discorrendo.

 

Il pastore dei Pirenei tende ad ingrassare, se obbligato a uno stile di vita sedentario. Si consiglia di lasciarlo correre liberamente per almeno un’ora al giorno.

Inoltre, una dieta bilanciata che include tutti i gruppi di sostanze nutritive è essenziale per mantenerlo in forma. Le regole sono quindi due: tanta attività fisica e alimentazione adeguata. Usate sempre mangimi e pappe di qualità, dal momento che stiamo parlando di una razza molto energica e che soffrirà molto se malnutrita o se gli offrite cibo scadente e avanzi.

Abitudini di igiene

Come sicuramente sapete, ogni cane può avere zecche, parassiti ed essere portatore di molte malattie. Soprattutto se si vive in un ambiente rurale. Per informazioni più dettagliate sullo stato di salute del cane, è sempre consigliabile chiedere l’aiuto del vostro veterinario.

Per evitare rischi, vi forniremo una serie di linee guida per tenere il vostro pastore dei Pirenei a pelo lungo sempre nel miglior modo possibile, prevenendo eventuali problemi:

Se il vostro cane si muove molto ed è abituato a correre e dormire fuori, in campagna, è necessario che lo portiate spesso dal veterinario per verificare la presenza di eventuali parassiti o altri microrganismi potenzialmente dannosi.

Se avete adottato un cane di questa splendida razza e vivete in zone rurali, vi invitiamo a seguire questi semplici passaggi per prendervi cura della sua salute e tutelare il benessere del vostro amico a quattro zampe:

 
  • Sverminazione regolare per mezzo di pillole specifiche ogni mese e mezzo o 2 mesi.
  • Uso del collare antipulci o di altri prodotti per cani simili.
  • Cura giornaliera della pulizia. I cani giocano, si rotolano per terra, saltano e si bagnano spesso. Nel caso del pastore dei Pirenei, la sua pelliccia può essere abbastanza difficile da pulire e gestire. Se lasciamo che rami, spine e fango si accumulino, la loro pelliccia può diventare un nido di parassiti.
  • Spazzolatura: andrà fatta regolarmente. Anche una tosatura stagionale è un buon sistema per evitare problemi al pelo e alla pelle del vostro cane, specialmente in estate.

Con questi suggerimenti, la giusta attenzione e un po’ di pazienza il vostro cane da pastore dei Pirenei a pelo lungo vivrà a lungo, felice e in modo sano.