Caratteristiche e morfologia delle scimmie uistitì

06 aprile, 2020
La scimmia uistitì è un primate monogamo con chiare abitudini gerarchiche e territoriali che usa diversi tipi di vocalizzazioni per comunicare.
 

Questa specie è nota per le sue piccole dimensioni e la sua capacità di arrampicarsi sugli alberi senza problemi. La scimmia uistitì appartiene ad una grande famiglia di primati americani o del Nuovo Mondo. Scopriamo insieme le caratteristiche e la morfologia delle scimmie uistitì in questo articolo.

Caratteristiche e morfologia

Il termine “scimmia uistitì” raggruppa tutte le specie delle famiglie di Callicebus e Pitheciidae, nonché i generi Callithrix (il più noto), Leontopithecus, Saguinus e Callimico.

Vivono tutte in America e la più famosa è la scimmia uistitì dai pennacchi bianchi (Callithrix jacchus), una specie endemica delle foreste del Brasile, che vive vicino a due fiumi molto importanti come il Sao Francisco e il Paranaiba.

Le scimmie uistitì sono molto piccole: misurano tra 18 e 25 centimetri e pesano circa 400 grammi. Queste scimmie hanno la coda che è più lunga del corpo, dato che misura circa 35 centimetri, e due grandi ciuffi di peli bianchi ai lati della testa. Il loro manto è grigio, nero e castano in diverse tonalità.

È una scimmia monogama, quindi sceglie solo un partner per tutta la vita. Vive in gruppi di circa 20 esemplari, con chiare abitudini gerarchiche e territoriali in un territorio che si aggira di solito intorno ai sei ettari.

Nel suo habitat naturale, la scimmia uistitì condivide gli alberi e il cibo con la scimmia uistitì dai pennacchi neri (nome scientifico callithrixpenicillata), il cui corpo è nero con macchie bianche sia sul viso che sul dorso. Si somigliano molto, perché anche questa scimmia ha una lunga coda e ciocche di capelli ‘arruffati’ ai lati della testa.

 
Scimmia callicebus

All’interno della famiglia Leontopithecus troviamo i leontocebi o scimmie leonine, chiamate così perché hanno una specie di criniera intorno al viso. Anche queste scimmie vivono in Brasile, pesano meno di un chilo e misurano circa 30 centimetri.

Queste scimmie vivono in grandi gruppi familiari e le coppie si prendono cura insieme dei cuccioli: la madre li allatta al seno ogni poche ore e il padre li porta sulla schiena da un albero all’altro. A partire dai cinque mesi, le scimmie smettono di nutrirsi del latte materno e, appena compiuto un anno, diventano indipendenti dai loro genitori.

Hanno abitudini notturne e dormono sui rami più alti per evitare i predatori.

Per comunicare tra loro, questi primati usano suoni diversi. Emettono dei suoni in modo sincrono al mattino per annunciare la loro presenza agli altri “vicini” e, durante il giorno, annunciano varie “notizie” con toni di voce differenziati.

Dieta della scimmia uistitì

Cosa mangiano le scimmie uistitì?

Sebbene la loro dieta dipenda dal luogo geografico in cui vivono, la verità è che la maggior parte delle scimmie uistitì mangia in modo simile. Si tratta di una specie onnivora che mangia sia piante che piccoli animali.

 

Ad esempio, i leontocebi o scimmie leonine usano i loro artigli per scavare la corteccia degli alberi e scovare insetti, lucertole e piccoli serpenti. Inoltre, integrano la loro dieta con la frutta.

Le altre scimmie uistitì vivono nelle foreste e nelle montagne dell’America del Sud. Si nutrono principalmente di frutti, steli e foglie, ma alla fine mangiano anche insetti, ragni, piccoli vertebrati e persino uova di uccelli.

Inoltre, possono nutrirsi di artropodi (mantidi, cucchiai, falene), funghi, bambù, frutti di bosco, linfa degli alberi, nettare dei fiori e piccoli vertebrati (rane, lucertole o rospi).

I denti delle scimmie uistitì sono in grado di rimuovere la corteccia degli alberi e consumare sia la linfa che l’acqua che si depositano sui tronchi. Gli artigli lunghi e affilati consentono loro di praticare buchi o catturare gli insetti tra i rami.

La scimmie uistitì sono conosciute in tutto il mondo per le loro dimensioni ridotte, il muso e l’espressione da canaglia e la coda lunga. Anche questi primati compaiono in molti film. Sfortunatamente, in alcuni paesi vengono “usati” nei circhi e in altri spettacoli di animali.

 

Solano, D., & Wong, G. (2009). Hábitat y población de mono tití (Cebidae: Saimirioerstediioerstedii) en la península de Osa, Costa Rica. Revista de Ciencias Ambientales. http://doi.org/10.15359/rca.38-2.6