Le principali complicazioni della gravidanza nei cani

13 ottobre, 2020
Prestare attenzione agli animali domestici è sempre importante, ma durante la gravidanza questa cura deve essere esaustiva per evitare i rischi associati a questo delicato periodo.

Il periodo di gestazione nei cani è uno dei più critici, quindi è essenziale prestare un’attenzione costante al loro stato di salute. Infatti, durante questi due mesi possono verificarsi delle complicazioni e delle emergenze che possono mettere a rischio la vita del vostro animale domestico e quella dei cuccioli. Vediamo le principali complicazioni della gravidanza nei cani.

Per tutti questi motivi, riteniamo essenziale informare i lettori sulle complicazioni comuni che possono sorgere durante la gravidanza nei cani. Come si suol dire, prevenire è meglio che curare.

Ipocalcemia, complicazioni della gravidanza nei cani

Questo abbassamento del calcio nel sangue è probabilmente causato dall’accumulo di questo nutriente nel latte, in vista dell’allattamento. Tuttavia, deve essere accompagnato da una scarsa disponibilità di calcio nella dieta perché diventi un vero problema.

Sintomatologia

La carenza di calcio nel sangue suppone la sua diminuzione nelle membrane cellulari, alterando il potenziale della membrana stessa. I sintomi di questo deficit sono irrequietezza, ansimare, spasmi muscolari e ipertermia. Se non vengono trattati in tempo, il cane potrebbe soffrire di tetania, cioè della contrazione rigida e continua dei muscoli e potrebbe morire.

Trattamento

L’obiettivo a breve termine è ripristinare i livelli di calcio nel sangue. Ad esempio, mediante la somministrazione endovenosa di soluzioni specifiche presso una clinica veterinaria.

L’effetto di questa somministrazione endovenosa dura solo poche ore, quindi è necessaria una terapia di mantenimento a breve termine. Pertanto, si consiglia di somministrare degli integratori di calcio sia alla fine della gravidanza che durante l’allattamento, per prevenire ed evitare eventuali ricadute.

Cagna incinta tra le lenzuola.


Iperglicemia, complicazioni della gravidanza nei cani

L’aumento del progesterone nel sangue ha un effetto antagonista sull’insulina, favorendo la comparsa dell’iperglicemia. In questo modo, riduce il trasporto del glucosio nelle cellule. Ecco perché si parla di diabete durante la gestazione delle femmine.

Lunga gestazione

Una gestazione più lunga del solito preoccupa molti padroni di animali domestici, soprattutto perché ritarda il travaglio. In alcuni casi il timore è infondato perché è dovuto ad un errore di calcolo nel conteggio tra il giorno dell’accoppiamento e il giorno del parto.

Tuttavia, in altre situazioni c’è uno sfondo patologico. Ad esempio, una cagna il cui parto precedente era stato distocico o una cagna considerata incinta dal padrone, ma che non è realmente incinta.

Sintomi e trattamento

In caso di falsi allarmi, l’assenza di sintomi dovrebbe darci un indizio che tutto sta effettivamente andando bene. Ma nei restanti i casi, potrebbero presentarsi i sintomi dell’inerzia uterina, cioè l’incapacità dell’utero di iniziare le contrazioni.

Se i feti non vengono espulsi correttamente, moriranno all’interno dell’utero e inizieranno a decomporsi. Ciò innescherà una grave infezione nella madre, che sarà testimoniata da una secrezione anormale e puzzolente.

La cosa migliore da fare sarà realizzare un taglio cesareo per rimuovere i feti trattenuti ed evitare complicazioni nella femmina.

La peggiore delle complicazioni della gravidanza nei cani: la distocia

Un travaglio distocico è lento, laborioso e più difficile del solito. In molti casi mette a rischio la sopravvivenza della femmina e dei cuccioli. La distocia può essere classificata come:

  • Non ostruttiva, cioè dovuta all’inerzia uterina primaria. È comune nelle madri con una cucciolata molto piccola o molto grande, ma anche nelle femmine obese o che stanno per partorire per la prima volta.
  • Ostruttiva. In questo caso l’inerzia uterina si verifica secondariamente, a causa di una causa extrauterina. Questa può essere correlato alla razza, a precedenti lesioni alla madre o persino ai feti.

Sintomatologia

Nella distocia non ostruttiva i sintomi sono quelli di una gestazione prolungata, con la particolarità che il travaglio inizia normalmente. Il problema è che non progredisce e il cane rimane bloccato nella fase di dilatazione.

Cagna incinta davanti alla porta.

In caso di distocia ostruttiva, la femmina entra nella seconda fase del travaglio, cioè la fase di espulsione e continua a lottare senza risultati. Se lo sforzo dell’animale è improduttivo per più di 45 minuti, significa che qualcosa non va e bisogna andare con urgenza dal veterinario.

Trattamento

Le femmine con inerzia uterina primaria possono rispondere positivamente alla somministrazione dell’ossitocina. Questo ormone, in un parto normale, è responsabile delle contrazioni uterine. Tuttavia, se la causa non è del tutto chiara, le condizioni dell’animale e dei feti devono essere accuratamente valutate prima di proporne la somministrazione.

Potrebbe essere preferibile eseguire un taglio cesareo in un cane che aspetta molti cuccioli ed è indebolito perché non riesce a sopportare il travaglio.

Nelle femmine con distocia ostruttiva, l’obiettivo principale del trattamento sarà rimuovere l’ostruzione:

  • Se l’ostruzione è dovuta a una postura fetale anormale, può essere corretta manipolando il feto.
  • Se la distocia è dovuta ad un’anomalia fetale o materna, potrebbe non essere possibile correggerla per consentire un parto normale. In questo caso, sarà necessario un ulteriore taglio cesareo.

Come abbiamo potuto vedere in questo articolo, le complicazioni nel parto dei cani possono essere provocate da cause molto diverse. Pertanto, se notate qualsiasi situazione atipica durante questo delicato processo, andare dal veterinario è essenziale.

  • Martí Angulo S. La distocia en la perra | PortalVeterinaria [Internet]. Portalveterinaria.com. [cited 5 June 2020]. Available from: https://www.portalveterinaria.com/articoli/articulos/28006/la-distocia-en-la-perra.html#:~:text=La%20inercia%20uterina%20primaria%20se,2%2C%20o%20fase%20de%20expulsi%C3%B3n.
  • King L, Boag A. BSAVA manual of canine and feline emergency and critical care. 2nd ed.