Cosa fare in caso di avvelenamento da funghi nei cani

31 luglio, 2020
Se il cane sta male di stomaco o accusa altri sintomi come tremori, affaticamento, difficoltà respiratorie, potrebbe aver ingerito dei funghi velenosi. Ecco cosa fare in questo caso.
 

L’avvelenamento da funghi nei cani può verificarsi sia in un ambiente rurale che in uno domestico. Pertanto, è essenziale che i padroni si assicurino che i loro animali domestici non abbiano accesso a questo tipo di cibo e che siano adeguatamente nutriti.

L’intossicazione da funghi è l’insieme delle malattie causate dalle micotossine, presenti nel fungo stesso o su un’altra superficie, sostanza o cibo che è stato contaminato.

Il pane e la frutta sono due dei cibi con la maggiore tendenza a deteriorarsi, ma anche i mangimi e, soprattutto, il cibo umido dei cani sono piuttosto suscettibili al deterioramento.

Per quanto riguarda l’assunzione diretta di funghi da parte dei cani, è necessario prestare molta attenzione. Sebbene alcuni siano innocui o causino solo piccoli disturbi gastrointestinali, altri possono essere letali.

Sintomi di avvelenamento da funghi nei cani

La sintomatologia e la gravità della micotossicosi dipenderanno dalla specie e dalla quantità di tossine ingerite. Tuttavia, ci sono una serie di indicatori generali che possono portare al sospetto di un possibile avvelenamento:

  • Tremori muscolari, mancanza di coordinazione e convulsioni.
  • Tendenza ad ansimare e aumento della frequenza cardiaca e respiratoria.
  • Indebolimento, disidratazione, perdita di appetito e vomito.
  • Febbre.

Tipi di funghi velenosi

In un quadro più specifico, i funghi tossici possono essere classificati in cinque categorie in base ai segni clinici provocati. Vengono quindi presentati in ordine crescente di gravità:

 
  • Funghi che causano disturbi gastrointestinali. Appartengono ai generi Agaricus, Boletus, Entoloma, Lactarius, Scleroderma e Tricholoma. Vomito, dolore addominale e diarrea di solito compaiono entro due ore dall’ingestione e scompaiono spontaneamente entro due giorni.
Cucciolo con un cesto di funghi

  • Funghi allucinogeni. Spiccano i generi Psilocybe, Panaeolus, Conocybe e Gymnopilus. Colpiscono il sistema nervoso centrale stimolando i recettori della serotonina. Sebbene i sintomi di solito durino meno di 48 ore, possono verificarsi convulsioni o addirittura essere letali.
  • Funghi che causano reazioni muscariniche. Spiccano il genere Inocybe e Clitocybe. Salivazione eccessiva, vomito e diarrea sono i sintomi più frequenti; possono durare diversi giorni.
  • Funghi psicotropi. Spiccano l’Amanita Muscaria e l’Amanita Pantherina. Alterano il coordinamento, la respirazione e possono causare convulsioni o persino la morte. Queste reazioni compariranno tra 30 e 90 minuti dopo l’assunzione.
  • Funghi che causano la necrosi epatica. Includono gli Amanita phalloides e i generi Galerina e Lepiota. I primi sintomi sono gastrointestinali per finire con insufficienze epatiche della prognosi critica. Anche se compaiono tra le 6 e le 24 ore, è consigliabile rivolgersi immediatamente al veterinario.
 

Trattamento e prevenzione

L’avvelenamento da funghi nei cani dovrebbe essere sempre seguito da uno specialista. Sebbene i primi sintomi siano solo gastrointestinali, possono complicarsi in poche ore. Inoltre, anche se il fungo ingerito non è altamente tossico, può causare gravi danni se ingerito in grandi quantità.

Cane sdraiato con funghi

Stimolare il vomito, fare una lavande gastriche o somministrare di carbone attivo sono alcuni dei provvedimenti più frequenti per provocare l’espulsione delle tossine.

In caso di insufficienze epatiche, convulsioni o alterazioni della frequenza cardiaca o respiratoria, la prima azione sarà quella di recuperare i normali segni vitali.

Per quanto riguarda il trattamento domestico, il veterinario può prescrivere un farmaco accompagnato da una dieta e un riposo moderato. Le 48 ore successive all’avvelenamento da funghi nei cani sono decisive, quindi l’animale dovrà essere costantemente curato.

La prevenzione non è sempre possibile. Anche così, si dovrebbe prestare estrema attenzione durante le gite rurali e, persino, nei parchi e nei giardini stessi quando l’umidità autunnale comincia a farsi sentire.

 
  • Hovda, L. (2015). Dvm360. Unfriendly fungi: Five types of mushrooms toxic to pets. Recuperado de http://veterinaryteam.dvm360.com/unfriendly-fungi-five-types-mushrooms-toxic-pets?pageID=4
  • PetMD. Mushroom, Mold, Yeast Poisoning in Dogs. (S f). Recuperado de https://www.petmd.com/dog/conditions/neurological/c_dg_fungi_poisoning