Dove vivono gli elefanti asiatici e africani?

23 luglio, 2020
A causa del bracconaggio, delle guerre e della distruzione del loro habitat, sia gli elefanti asiatici che quelli africani stanno scomparendo.
 

Sebbene possiamo facilmente dedurre dove vivono gli elefanti asiatici e africani dai loro nomi, la verità è che sia l’Asia che l’Africa sono continenti molto grandi. Questi mammiferi abitano delle regioni specifiche, che indicheremo in questo articolo.

Dove vivono gli elefanti asiatici?

Cominciamo con l’unico rappresentante del genere Elephas, gli altri purtroppo si sono estinti, e che detiene il titolo di essere il più grande mammifero in tutta l’Asia. Può essere trovato sia allo stato brado che domestico – zoologico e da circo – ed è considerato a rischio di estinzione.

Elefanti africani nella savana

Gli elefanti asiatici hanno la testa molto grande, il corpo a forma di “botte” e le zampe forti e rettangolari. Sono più piccoli di quelli africani, ma possono misurare tra i due e i tre metri di altezza.

Nonostante raggiungano le cinque tonnellate di peso, gli elefanti asiatici si muovono in modo sicuro e agile, anche sui terreni montuosi. Possono anche correre a 40 km/h se sono spaventati o arrabbiati. Normalmente camminano ad una velocità di circa sei chilometri all’ora.

Vivono in branchi composti per lo più da femmine, guidati dalla più anziana chiamata matriarca e dai suoi giovani. I maschi conducono una vita solitaria e si avvicinano al gruppo solo durante la stagione riproduttiva.

Questi mammiferi sono distribuiti nel sud del continente asiatico e possiamo trovare quattro sottospecie, rispettivamente stanziate nello Sri Lanka, in India, nell’isola di Sumatra e nel Borneo. Prediligono le foreste tropicali, dove trovano una grande quantità di cibo, costituito principalmente da foglie e frutti.

 

La distribuzione originale dell’elefante asiatico si estendeva dall’Indonesia occidentale e dalla Cina meridionale fino alle coste del Golfo Persico. Oggi può essere trovato nel nord-est del Borneo, in Sri Lanka, in Bangladesh, nell’India del sud e del nord-est, in Indocina, in Malacca e a Sumatra.

E quelli africani?

In questo caso, il genere di Loxodonta è composto da due sottospecie: elefante africano della savana ed elefante africano della giungla. Con i loro nomi possiamo già vedere quali sono i loro habitat principali.

Per quanto riguarda Loxodonta africana, è il più grande mammifero terrestre che troviamo oggi ed è in uno stato vulnerabile. I maschi possono essere alti fino a sette metri e le femmine tre metri. Il peso medio è rispettivamente di sei e tre tonnellate.

Coppia di elefanti

Camminano ad un ritmo costante, con una velocità di sei chilometri all’ora, ma, allo stesso modo degli elefanti asiatici, possono raggiungere i 40 km/h quando si arrabbiano o hanno paura.

Gli elefanti della savana africana sono erbivori, possono essere trovati nelle foreste, nelle aree semi-desertiche e nelle praterie. Si nutrono di erba, foglie degli alberi e arbusti.

 

Sono sparsi in quasi tutta l’Africa, in piccole popolazioni, principalmente nel centro del continente e con maggiore presenza nei paesi costieri. Uno dei posti più comuni dove possiamo vedere gli elefanti africani è il Kruger National Park.

Il secondo rappresentante del genere Loxodonta ha una presenza più limitata, anche se con popolazioni più “concentrate”, per usare un eufemismo. Oggi possiamo trovarli nel sud del Camerun, nel sud della Repubblica Centrafricana, nel nord e nel centro della Repubblica del Congo, nel nord del Congo, in Gabon e nella Guinea Equatoriale.

È il più piccolo dei tre tipi di elefanti che esistono, poiché non supera i 2,5 metri di altezza. Come accade per gli elefanti asiatici, gli elefanti africani della foresta hanno cinque unghie sulle zampe anteriori e quattro sulle zampe posteriori. Gli africani Savannah ne hanno rispettivamente quattro e tre.

Gli elefanti asiatici e africani hanno a disposizione dei territori sempre più limitati per vivere a causa del bracconaggio per le zanne, le guerre e la distruzione dell’habitat naturale in entrambi i continenti.

 

Poulsen, J. R., Rosin, C., Meier, A., Mills, E., Nuñez, C. L., Koerner, S. E., … Sowers, M. (2018). Ecological consequences of forest elephant declines for Afrotropical forests. Conservation Biology. https://doi.org/10.1111/cobi.13035