Gli animali hanno senso dell'umorismo?

09 settembre, 2020
Capire le emozioni degli animali è molto complesso. È naturale chiedersi se provano le stesse sensazioni degli umani, tra cui l'umorismo e il divertimento.
 

Vi sarà capitato di chiedervi se gli animali hanno senso dell’umorismo. Ancora oggi, però, non conosciamo a fondo l’universo emotivo del mondo animale.

Provare a paragonare le complesse emozioni umane con quelle di altri animali alla fine può portarci a pensare che gli altri esseri viventi non dispongano della medesima capacità emotiva.

Ciò si deve alla nostra visione antropocentrica del mondo e al paragone a cui sottoponiamo i nostri sentimenti e quelli degli animali. Non possiamo pretendere che gli animali presentino un senso dell’umorismo paragonabile a quello dell’essere umano, poiché per quello servono il nostro pensiero astratto e la complessità del nostro linguaggio.

Tuttavia, vi sono evidenze scientifiche e osservazioni che ci dimostrano che gli animali hanno sentimenti ed emozioni complesse. Possiedono, di fatto, tutto il complesso di ormoni e neurotrasmettitori da cui scaturiscono le emozioni.

Umorismo e sentimenti

Il senso dell’umorismo è la capacità propria degli esseri umani di esprimere o percepire l’elemento comico. In altre parole, l’abilità di trasformare situazioni emotivamente difficili per non essere sopraffatti.

Quando qualcosa ci diverte, nel nostro cervello si attivano meccanismi che ci fanno sentire bene. Ciò avviene anche in altri animali, soprattutto quelli con un encefalo sviluppato.

Il gioco e condotte simili, più presenti negli individui giovani, fanno parte di quello che potremmo chiamare senso dell’umorismo negli animali. Si tratta di scontri o lotte in un clima non aggressivo che fomentano il vincolo tra gli individui di un gruppo sociale, come accade con gli umani.

 
Primate che sorride.

La risata dei delfini

Un video su YouTube, che ha avuto oltre 21 milioni di visualizzazioni, mostra una ragazza intenta a fare ruote e altri esercizi davanti al vetro di una vasca di delfini. Uno di loro sembra rapito dall’esibizione della ragazza e mostra smorfie che potremmo relazionare a una risata. Può ciò dimostrare che i delfini hanno senso dell’umorismo?

Un gruppo di scienziati dell’Università di Linköping, Svezia, ha scoperto che alcuni delfini emettevano suoni molto particolari quando erano coinvolti in lotte non aggressive, ovvero quando sembravano giocare.

In seguito, hanno condotto un esperimento i cui risultati hanno confermato tale ipotesi. Quando gli esemplari giovani e subadulti giocano o realizzano questi scontri non aggressivi, emettono una raffica di impulsi ultrasuoni, con un fischio finale, ben riconoscibili e che non si presentano nei combattimenti tra adulti.

I ricercatori sono giunti alla conclusione che i delfini emettono questo suono, che potremmo definire una risata, per comunicare che la situazione è innocua, ovvero che si tratta solo di un gioco.

Il senso dell’umorismo nei ratti

 

Alla fine degli Anni ’90, lo scienziato Panksepp e i suoi colleghi dell’Università di Washington, si dedicarono a studiare l’allegria nei ratti e fino a che punto la dimostrano. 

Scoprirono così che i ratti emettono suoni a 50 kHz (ultrasuoni impercettibili per l’essere umano, ma percettibili per le macchine) durante la copula.

Al tempo stesso, notarono che nel cervello del ratto si attivano aree associate all’allegria, al benessere e al piacere. Osservarono, inoltre, che i ratti ridevano quando giocavano tra loro. 

Allo stesso modo, dopo aver sviluppato un certo vincolo con l’animale affinché si fidasse di lui, se il ricercatore gli faceva il solletico, il ratto rideva.

Bambina che gioca con un topo.

Ricerche più recenti dimostrano che questo solletico, quando il ratto è di buonumore, attiva aree del cervello relazionate al piacere; lo stesso si verifica negli esseri umani. Ciò avviene, tuttavia, solo se il ratto si fida della persona in questione.

Alla luce di questi studi e dimostrazioni del senso dell’umorismo negli animali, è chiaro che resta ancora molta strada da far. Nonostante ciò, disponiamo di chiare prove del fatto che gli animali hanno sentimenti complessi alla pari dell’essere umano. 

 
  • Amundin, M. An Acoustic Play-Fight Signal in Bottlenose Dolphins (Tursiops truncatus) in Human Care.
  • Panksepp, J., & Burgdorf, J. (1999). Laughing rats? Playful tickling arouses high frequency ultrasonic chirping in young rodents. Toward a science of consciousness III, 231-244.
  • Panksepp, J. (2007). Neuroevolutionary sources of laughter and social joy: Modeling primal human laughter in laboratory rats. Behavioural brain research, 182(2), 231-244.