L'echidna istrice, un bizzarro animale che fa le uova ma allatta i piccoli

03 agosto, 2020
Questa specie ha suo stile di vita molto tranquillo e si stima che possa vivere circa 50 anni o forse di più.
 

L’echidna istrice, nota anche come echidna dal becco corto, è la quinta delle sei specie di mammiferi monotremi. Si tratta di mammiferi primitivi che depongono le uova come i rettili, ma hanno il pelo e nutrono i loro piccoli.

Questa specie di echidna vive in Australia, Nuova Guinea e Tasmania. La sesta specie monotrema è l’ornitorinco, che non somiglia all’echidna, tranne in questa particolarità del deporre delle uova che accomuna tutta la specie. Continuate a leggere per scoprire il comportamento dell’echidna istrice.

Caratteristiche dell’echidna istrice

I monotremi come l’echidna depongono le uova e hanno gli arti caratterizzati da una struttura ossea interna che emerge dai lati del loro corpo. In questo senso, somigliano molto ai rettili e agli uccelli.

Hanno una sola area del corpo, nota come cloaca, in cui svuotano l’intestino, la vescica e gli organi riproduttivi. Inoltre, i monotremi hanno il pelo, producono latte e sono a sangue caldo. La loro capacità di mantenere costante la temperatura corporea non funziona sempre come dovrebbe. Per questo motivo, di solito vanno in letargo durante l’inverno.

Il piccolo organo situato nelle zampe posteriori del maschio fa sì che lo chiamino “echidna”, che significa sommatore. Questo perché è “collegato” a una ghiandola velenosa. Tuttavia, il fluido che produce non è realmente così velenoso.

Echidna istrice che cammina in un prato.
 

È improbabile che l’echidna utilizzi questo veleno come arma per difendersi. Quando sono in pericolo, questi animali generalmente tentano di fuggire scavando una buca. Possiedono dei potenti artigli che consentono loro di scavare e spostare la terra da un lato per nascondersi rapidamente.

Morfologia

L’echidna istrice ricorda da vicino l’istrice e spesso viene scambiato per questo animale. Sicuramente perché possiede numerose spine gialle che ricoprono il suo corpo di pelliccia marrone. Tuttavia, le spine dorsali dell’echidna istrice non hanno gli aculei attaccati alla pelle.

Un echidna istrice adulto può crescere fino a circa 76 centimetri di lunghezza, anche se spesso si raggomitola formando una palla impenetrabile e di conseguenza appare più piccolo. Ha il muso sottile e glabro con un paio di narici all’estremità.

La piccola bocca si trova nella parte inferiore del muso e si apre abbastanza da far emergere una lingua lunga e appiccicosa. La lingua può misurare circa 30 centimetri e, con essa, trascina il cibo, che di solito è costituito da formiche, termiti e altri insetti.

L’echidna istrice non ha i denti ma riesce a sminuzzare i corpi duri delle sue prede sbattendoli contro il il palato e schiacciandoli con la sua lingua spinosa.

Coppia di echidna istrice camminano insieme.

Gli echidna istrice hanno un marsupio come i marsupiali, ma a differenza di questi si sviluppa solo durante la stagione riproduttiva. La femmina depone un uovo dal guscio semiduro che mette nella borsa marsupiale. In breve tempo l’uovo diventerà un cucciolo parzialmente sviluppato.

Il comportamento dell’echidna istrice

Gran parte del comportamento e delle abitudini dell’echidna istrice sono un mistero. I ricercatori dicono che sono molto difficili da studiare, a causa del loro comportamento solitario. Non sono facili da individuare, sono molto silenziosi e spesso percorrono lunghe distanze. La loro passione per i viaggi è uno dei motivi per cui non sono adatti a vivere in cattività.

 

Gli echidna istrice non hanno una routine e possono essere attivi sia di giorno che di notte, indipendentemente dal tempo. Non hanno l’abitudine di costruire delle tane permanenti e preferiscono dormire in qualsiasi tana o grotta. Non socializzano e non ci sono prove evidenti del fatto che si affrontino in dei combattimenti.

Sostanzialmente tendono a ignorare le altre creature della stessa specie, tranne quando è il momento di accoppiarsi. Durante l’inverno australiano una dozzina di maschi si allineano, strisciando lentamente e silenziosamente dietro una femmina che emette i feromoni.

Questa sorta di danza può durare fino a un mese, durante il quale alcuni maschi se ne vanno e altri si accoppiano. Alla fine del rituale, la femmina si arrampica su un tronco d’albero con gli arti anteriori. I maschi scavano una fossa circolare attorno all’albero e competono per aggiudicarsi l’accoppiamento.

Il tutto si svolge senza aggressività e i maschi si spingono l’un l’altro, testa a testa. A poco a poco alcuni di allontanano, mentre il vincitore giace dalla sua parte nella trincea, parzialmente nascosto sotto la femmina, e si accoppiano lentamente.

 

https://www.wired.com/2014/07/the-creature-feature-10-fun-facts-about-the-echidna/