Il pipistrello Yoda: un piccolo mammifero che sembra uscito da Star Wars

22 maggio, 2020
Il pipistrello Yoda è un mammifero volante che deve il suo nome al maestro Yoda della saga di Star Wars.
 

Scoperto nel 2009, il pipistrello Yoda porta questo nome per la sua somiglianza con uno dei protagonisti di Star Wars. In questo articolo vi parleremo di questo mammifero, in particolare delle sue abitudini riproduttive.

Caratteristiche del pipistrello Yoda

Il nome scientifico del pipistrello Yoda è Nyctimene papuanus, ed è una specie endemica della Papua Nuova Guinea, nel nord dell’Australia. Non è noto da quando tempo abiti questa regione, poiché è stato scoperto solo nel 2009 durante una spedizione condotta dall’unità di conservazione internazionale degli Stati Uniti.

Uno dei dati più importanti che riguardano questa specie è il suo nome, che è stato scelto per la sua presunta somiglianza con il Maestro Yoda, della saga di Star Wars.

Questo pipistrello non è verde come il personaggio, ma condivide altre caratteristiche, come le orecchie a punta e gli occhi triangolari. Inoltre, a causa della sua mascella ampia e rotonda sembra che “sorrida sempre”.

Inoltre, gli scienziati sono stati colpiti dal fatto che questo mammifero volante usa i suoi grandi occhi per orientarsi, muoversi e ottenere il cibo. Gli altri chirotteri lo fanno attraverso la geo localizzazione e i suoni che percepiscono anche al buio.

Pipistrello Yoda: muso e orecchie
 

Sebbene sia davvero brutto e anche il suo aspetto sia intimidatorio, la verità è che non bisogna preoccuparsi se decidete di andare in vacanza in Nuova Guinea e ne vedete uno che vola nelle vicinanze. Si nutre solo di frutti, infatti è frugivoro, e non ci sono stati casi di persone attaccate da un esemplare di questa specie.

Con una dimensione di soli 40 centimetri, ma un metro e mezzo di apertura alare quando apre le ali, questo mammifero volante pesa un chilo all’incirca ed è molto importante per l’ecosistema in cui vive. Questo perché, quando mangia, disperde i semi dei frutti, il che consente alle nuove piante e agli alberi tropicali di crescere nelle vicinanze.

Le abitudini riproduttive del pipistrello Yoda

Per quanto riguarda le abitudini di riproduzione, il pipistrello Yoda non è molto diverso dalle altre specie di chirotteri che abitano il pianeta. Vive in grandi colonie in cui femmine e maschi abitano separatamente.

Al momento dell’accoppiamento, che avviene quando le temperature si alzano, gli esemplari di entrambi i sessi si uniscono e formano delle coppie. Successivamente, le femmine in gravidanza formano una colonia separata all’interno della grotta.

Pipistrelli in una grotta
 

Ogni femmina dà alla luce solo una prole, che si nutre di latte materno e si aggrappa al corpo della madre per diverse settimane, fino a quando le sue ali non sono abbastanza sviluppate e possono volare da soli.

Altre curiosità sulla famiglia Nyctimene

Oltre al pipistrello Yoda, ci sono altre specie all’interno del genere Nyctimene, che sono distribuite in Papua Nuova Guinea, Indonesia, Filippine e Australia. Tutte si nutrono di frutti tropicali.

In alcuni casi sono minacciati dalla caccia e dalla perdita del loro habitat naturale, che è costituito dalle aree tropicali o subtropicali e dalle foreste aride. Vale la pena notare anche che il loro tasso di natalità è molto basso e che la maggior parte dei cuccioli non sopravvive al primo anno.

Oltre all’habitat, hanno altre caratteristiche simili, principalmente fisiche: gli occhi triangolari e grandi, le orecchie appuntite, le piccole dimensioni e il naso pronunciato, che ha guadagnato la definizione di “naso a tubo”.

Il pipistrello Yoda attira molta attenzione per il suo aspetto, nonché per le sue abitudini. In realtà, tutta la famiglia è molto particolare!

 

Cooper, K. L., & Tabin, C. J. (2008). Understanding of bat wing evolution takes flight. Genes and Development. https://doi.org/10.1101/gad.1639108