Il vampiro spettro: caratteristiche e abitudini

19 luglio, 2020
Tra le specie animali più curiose e misteriose ci sono i pipistrelli, in particolare il vampiro spettro, che ha ispirato numerose storie, leggende e film.
 

Il vampiro spettro è una delle specie più curiose di pipistrelli giganti. Questa specie americana attira l’attenzione non solo per le sue dimensioni, ma anche per il suo aspetto peculiare. In questo articolo, vi presentiamo le caratteristiche principali del vampito spettro.

Caratteristiche fisiche e tassonomia del vampiro spettro

Il vampiro spettro è un mammifero della famiglia dei Fillostomidi. Questa è l’unica specie del genere Vampyrum, noto anche come pipistrello o pipistrello vampiro.

Nonostante le credenze popolari e il nome tetro, il vampiro spettro non ha alcuna relazione con i cosiddetti “falsi vampiri del Vecchio Mondo”, che sono pipistrelli carnivori della famiglia Megadermatidae.

È la più grande specie di pipistrello originaria del continente americano e anche il più grande pipistrello carnivoro. Quando raggiunge l’età adulta, mostra un’apertura alare media di 80 centimetri. La lunghezza del suo corpo varia tra i 12,5 e i 15,3 centimetri, con un peso compreso tra i 145 e i 190 grammi.

Una delle caratteristiche principali di questa razza è il suo naso pronunciato e la fisionomia molto particolare. Il muso è lungo e stretto, con denti forti che sporgono dalla bocca; le orecchie sono relativamente piccole e arrotondate.

Sulla parte superiore del corpo, predomina un colore marrone scuro, che talvolta può essere leggermente arancione. La parte inferiore di solito presenta delle sfumature più chiare, che possono variare dal grigio-marrone al giallo-marrone.

 
Vampiro spettro primo piano

La parte inferiore del corpo è notevolmente più corta e più sottile rispetto alla parte posteriore. Finora non è stata identificata alcuna coda visibile, anche se la membrana della coda è lunga e larga. Invece sono molto evidenti i potenti, lunghi e curvi artigli, sia anche sulle zampe anteriori che posteriori.

Habitat e alimentazione di questo pipistrello

Come abbiamo accennato, stiamo parlando di una specie originaria del Nuovo Mondo, in particolare dei tropici. Il vampiro spettro si espande dal Messico meridionale al Brasile, tra cui tutta l’America centrale, la Bolivia, la Colombia, l’Ecuador, il Suriname, il Perù, il Venezuela e l’isola di Trinidad.

È una specie carnivora che si nutre di una grande varietà di animali vertebrati. La sua dieta include il consumo di insetti, anfibi, piccoli uccelli, rettili e piccoli mammiferi. Possono persino cacciare altri pipistrelli.

Di certo il vampiro spettro non succhia il sangue come nei film. Semplicemente caccia la sua preda e la consuma, proprio come fanno tutti gli animali carnivori.

I vampiri spettro sono eccellenti cacciatori notturni. La loro tecnica di caccia è simile a quella dei gufi, quindi sono estremamente cauti e silenziosi quando catturano le loro prede.

Questi pipistrelli generalmente saltano dai rami alti o volano per setacciare l’ambiente circostante in cerca di cibo. Quando riconoscono una preda, si lanciano su di essa realizzando un attacco rapido ed efficace. In questo modo, è difficile per le prede identificare la loro presenza in tempo in modo tale da fuggire o difendersi.

 
Pipistrello con grandi orecchie


Abitudini e riproduzione del vampiro spettro

Il vampiro spettro è una specie dalle abitudini notturne come tutti i pipistrelli. Di notte, esercita la sua sofisticata tecnica di caccia e in generale è molto attivo e cauto. Durante il giorno, rimane nascosto nella sua tana, di solito situata tra gli alberi.

È una specie socievole che può vivere in piccoli gruppi ed è generalmente monogama, sebbene i maschi alla fine possano accoppiarsi con più di una femmina.

In generale, il maschio contribuisce a prendersi cura della prole e rimane con la madre anche durante la gravidanza. È comune che la femmina e il cucciolo dormano avvolti nelle ali del maschio, protetti dai possibili attacchi dei predatori.

Stato di conservazione

Il vampiro spettro attualmente è classificato come una specie in via di estinzione in Messico. Sfortunatamente, non ci sono abbastanza informazioni sullo stato di conservazione della sua popolazione negli altri paesi dell’America centrale e meridionale.

Tuttavia, considerato l’avanzamento degli esseri umani e quindi la distruzione del suo habitat naturale, si stima che il numero di esemplari si sia ridotto drasticamente in tutti i paesi. Ecco dunque un’altra specie che si aggiunge al lungo elenco di animali a rischio di estinzione.