Juniper e Moose, la volpe e il cane che sono diventati amici

09 dicembre, 2016
 

L’amicizia tra due specie diverse è sempre qualcosa che cattura la nostra attenzione. L’essere umano tende a dare maggiore importanza all’esteriorità e a farsene guidare al momento di scegliere una persona importante per la propria vita. Nel mondo animale l’esteriorità conta poco e Juniper e Moose lo dimostrano con la bellezza del loro gesto d’amicizia.

A volte ci facciamo condizionare dai pregiudizi;  generalizziamo e giudichiamo una persona ragionando in termini di tipologie, senza fermarci a pensare che ognuno di noi è diverso a prescindere dalla razza, condizioni di vita o altro. Leggendo questa storia, siamo sicuri che molti di voi ricorderanno il film d’animazione Zootropolis.

Oggi vi raccontiamo una bella storia, l’amicizia senza pregiudizi di Juniper e Moose.

Juniper e Moose, un’amicizia inaspettata

juniper-y-moose-2

Fonte dell’immagine: www.viraldiario.com

Moose è un pastore australiano che è stato salvato dalla strada. Nessuno riusciva a capire come si potesse abbandonare un cane tanto bello. Per mesi si è cercato il suo padrone, nella convinzione che non fosse un caso di abbandono, ma uno smarrimento. La ricerca non ebbe alcun risultato e la situazione divenne chiara: Moose era proprio un cane abbandonato.

 

Alla fine l’animale è stato adottato da una famiglia e ha trovato una nuova casa in grado di dargli attenzione e amore. Moose ha avuto decisamente fortuna: è stato bene accolto dalla nuova famiglia e lui li ha ripagati nell’unico modo che conosceva: con tanto affetto.

L’animale non poteva sapere che presto avrebbe incontrato una nuova amica. Tanto meno che questa sarebbe diventato per lui come una sorella.

L’arrivo della volpe

Juniper era una piccola volpe, anche lei tratta in salvo dalla famiglia di Moose. In un primo momento pensarono che fosse di sesso maschile, ma invece Juniper è una femmina.

Quando la volpina spaventata mise piede per la prima volta in casa, si rese subito conto che aveva compagnia; c’era già Moose, anche lui entrato da poco a far parte della famiglia.

I padroni di Moose notarono lo scambio di sguardi tra i due animali e cominciarono a temere di aver fatto un errore di valutazione pensando di tenerli insieme. In un primo momento pensarono che i due animali non sarebbero andati d’accordo. Molto probabilmente sarebbero sorti problemi.

Niente di più lontano dalla realtà. Una volta fiutati a vicenda, i due sono diventati inseparabili. I padroni di Juniper e Moose scherzando sostengono che sia la volpe ad essere innamorata del cane. Quanto ci sia di vero in questo non si sa, ma è certo che Juniper e Moose dormono, mangiano e giocano sempre insieme.

Sono diventati inseparabili nonostante siano così diversi. Secondo la signora, Juniper, la volpe, passa la giornata cercando di catturare l’attenzione di Moose, senza sapere come.

 

Lei ha spiegato: “Le volpi hanno un modo di marcare il territorio diverso dai cani. Mettono il sedere sopra tutto quello che vogliono che diventi proprio. Quante volte entro in camera e li vedo tutti e due seduti sul letto! Juniper con il sedere sul muso di Moose. Moose con aria infastidita e Juniper con il muso sorridente, orgogliosa perché convinta di aver ottenuto quello che vuole.”

juniper-y-moose-3

Fonte dell’immagine: www.viraldiario.com

Pare proprio che da quando Juniper e Moose sono approdati in quella casa, il divertimento è assicurato. Per questo motivo e per tutto l’amore che i due animali si dimostrano, la famiglia li terrà entrambi, nonostante qualche inconveniente.

La signora aggiunge che tenere una volpe è molto diverso dall’avere un cane o un gatto. Le volpi hanno un odore del corpo molto sgradevole, soprattutto gli escrementi puzzano terribilmente. La volpe ha un carattere non semplice e anche l’igiene e il tipo di alimentazione sono piuttosto complicati.

Ciò nonostante, Juniper e Moose sono ormai parte della famiglia. Qualsiasi inconveniente si supera meglio vedendo che i due stanno così bene insieme, come testimoniano le fotografie di questo articolo.

 
Fonte delle immagini: www.viraldiario.com