La solitudine diminuisce quando si hanno degli animali

10 dicembre, 2018
La loro compagnia serve anche a far socializzare di più; quando si porta a passeggio il cane si entra in contatto con altre persone.
 

La solitudine diminuisce quando si hanno animali domestici, poiché se avete un cane, è possibile intavolare delle conversazioni e stabilire delle relazioni con le altre persone per strada.

Gli animali domestici aiutano a ridurre la solitudine. E’ comune che i medici o i familiari raccomandino agli anziani di adottare un cane o un gatto. Scopriamo perché gli animali aiutano a combattere la solitudine.

La compagnia degli animali aiuta ad alleviare la solitudine

Gli anziani passano molto tempo da soli, e ciò li conduce alla depressione e alla sedentarietà. Per questo, consigliamo loro di adottare un animale.

Gli animali aiutano a migliorare il rendimento mentale, a combattere l’ansia e a sentirsi utili, dato che prendersene cura è una responsabilità.

Inoltre, sono perfetti per gestire meglio la vita di coppia.

La loro compagnia serve anche a far socializzare di più; quando si porta a passeggio il cane si entra in contatto con altre persone.
Si può anche entrare a far parte di un gruppo di padroni che esce sempre alla stessa ora.

Frequentare delle persone che hanno un’età o dei gusti simili è molto utile. Si possono formare sia delle amicizie che degli amori, e tutto grazie al fatto di portare a spasso il cane al parco.

Anziano con cani a passeggio
 

Allo stesso tempo, questa semplice abitudine fa in modo che il padrone debba vestirsi e occuparsi del suo aspetto fisico per uscire di casa. E ciò è senza dubbio positivo, sia per lui che per rafforzare il rapporto con gli altri.

Questo legame interpersonale fuori casa e ciò che spesso manca a molti individui anziani, che non escono molto e, quando lo fanno, rientrano quasi subito.

Compagnia degli animali: non vi isolate, adottate

Raccomandiamo anche a coloro che vivono da soli di adottare un animale, poiché sia il cane che il gatto sono il miglior incentivo per tenere lontana la solitudine.

Uno dei principali problemi nelle città è l’individualismo. E questo ci colpisce perché le persone sono dei mammiferi che hanno bisogno del contatto altrui, così come succede ai primati, i nostri antenati.

La depressione per la mancanza di un compagno, o perché i figli sono cresciuti e se ne sono andati di casa, creano dei vuoti negli adulti tra i 40 e i 60 anni, proprio quando si avvicina il momento di andare in pensione.

Anziana al parco con cane

Per questo vi consigliamo di prendere un animale. Non c’è niente di più bello di tornare a casa dopo una stancante giornata di lavoro e trovare qualcuno ad aspettarvi, che muove la coda dalla felicità o vi salta intorno perché vuole giocare.

 

Non importa che gli animali non parlino, non hanno bisogno di farlo. 

Capiscono molto bene tutto quello che succede intorno a loro e saranno i primi ad accoccolarsi al vostro fianco se notano che state male o che siete tristi.

E’ vero che non saranno in grado di accudirvi, ma rimarranno al vostro fianco per tutto il tempo necessario.

Inoltre, vi daranno la forza necessaria per riprendervi.

Un animale è un essere puro, che vi ama incondizionatamente, e che non vi abbandonerà mai. 

Farebbe di tutto per voi, ed è per questo che molte persone trovano nel proprio cane o gatto la compagnia di cui hanno bisogno quando stanno a casa.

Per questo, se vivete da soli, non dubitate nell’adottare un animale. Sarà il vostro alleato per molti anni. E in cambio vorrà solo un po’ di affetto e di cure.

 

Hernández, M. F. M., Dios, R. G. H. de, & Suárez, M. Z. (2017). Vulnerabilidad, protección y asistencia social en el adulto mayor en México. REVISTA DOXA DIGITAL.