Mammiferi volanti: caratteristiche e curiosità

17 ottobre, 2020
I mammiferi volanti sono un piccolo gruppo di specie animale che hanno la capacità di volare, planare e muoversi nell'aria.

In questo articolo parleremo di un gruppo di animali molto particolare: i mammiferi volanti. Volete sapere quali caratteristiche hanno, quali specie hanno la capacità di “volare” e altre curiosità? Qui ci sono tutti i dettagli.

Quali caratteristiche hanno in comune con gli altri mammiferi?

I mammiferi (classe Mammalia) possono essere generalmente classificati in base al loro adattamento all’ambiente in cui vivono. Difatti, secondo questo criterio ci sono mammiferi terrestri, mammiferi marini e mammiferi volanti.

Delle quasi 4.400 specie di mammiferi conosciute, poco più del 20% ha la capacità di muoversi nell’aria.

Per conseguire questo risultato, queste specie hanno una caratteristica in comune: l’esistenza di ali o arti adatti che gli permettono di muoversi nell’aria.

Il resto delle caratteristiche fisiologiche coincidono con quelle degli altri mammiferi: la presenza di un manto di pelo, le ghiandole mammarie per l’allattamento e la capacità di regolare la loro temperatura corporea.

Che tipo di mammiferi volanti esistono?

All’interno di questo speciale gruppo di animali si possono distinguere due tipi: i mammiferi di volo attivo o di volo passivo:

  • Volo attivo: questo gruppo comprende quegli animali che possono essere spinti dal battito delle loro ali, così come gli uccelli. Precisamente, questi animali hanno sviluppato meccanismi di adattamento per il volo attivo. In questo gruppo troviamo i pipistrelli (ordine Chirotteri), gli unici mammiferi che possono davvero volare.
Pipistrello, tipo di mammifero volante.

  • Volo passivo: le specie di questo gruppo hanno la capacità di planare in aria. A tal fine, tra la pelle delle estremità posteriori e anteriori posseggono una sottile membrana cutanea. Infatti, è proprio questa membrana che permette loro di controllare la caduta quando saltano e planano in una direzione specifica. In questo gruppo troviamo molte specie diverse di mammiferi, come lo scoiattolo volante, il colugo o il lemure volante e il topo volante.

Curiosità sui mammiferi volanti

All’interno di questo gruppo, ci sono alcuni curiosità che risaltano:

  • Il più piccolo mammifero volante è il pipistrello dal naso di maiale di Kitti (Craseonycteris thonglongyai). Misura circa tre centimetri e pesa circa due grammi.
  • Dall’altra parte troviamo la volpe volante dal capo dorato (Acerodon jubatus), diffuso nell’arcipelago delle Filippine, con un’apertura alare fino a 2,5 metri. È il più grande pipistrello conosciuto fino ad oggi.
  • Alcune specie usano un sistema di ecolocalizzazione per navigare e localizzare le loro prede. Emettendo onde sonore e facendole rimbalzare sugli ostacoli, questi animali possono calcolare la distanza da quell’ostacolo o da quella preda.
Curiosità dei mammiferi volanti.

Il più antico mammifero volante

Alcune recenti ricerche, affermano che un fossile trovato in Cina potrebbe essere la chiave per dimostrare che i primi mammiferi hanno cominciato a muoversi nell’aria quasi contemporaneamente agli uccelli.

I resti ritrovati risalgono a 125 milioni di anni fa. Studiandoli a fondo, i ricercatori hanno trovato prove dell’esistenza di una membrana cutanea simile a quella utilizzata dagli odierni mammiferi a volo passivo. Questo ritrovamento è, finora, la prova fossile del più antico mammifero volante conosciuto.

  • Meng, J., Hu, Y., Wang, Y., Wang, X., & Li, C. (2006). A Mesozoic gliding mammal from northeastern China. Nature444(7121), 889.

 

  • Panyutina, A. A., Korzun, L. P., & Kuznetsov, A. N. (2015). Flight of mammals: from terrestrial limbs to wings. Springer.