Otaridi: dieta, caratteristiche e habitat

09 luglio, 2020
In questo articolo vi insegnamo a distinguere le otarie dalle foche, e vi permettiamo di scoprire molte informazioni interessanti su questi bellissimi animali marini.
 

Gli otaridi sono una famiglia di mammiferi acquatici carnivori che, come le foche, sono pinnipedi. Conosciute anche come foche, la famiglia degli otaridi è suddivisa in due grandi categorie.

La prima sottofamiglia sono i leoni marini. La seconda sottofamiglia è l’artocefali, che comprende gli orsi e i leoni marini. Sebbene la differenza tra le due sottofamiglie di otaridi non sia filogenetica, la distinzione viene mantenuta a causa di chiare differenze morfologiche.

Tutti gli otaridi presentano uno spiccato dimorfismo sessuale. Ciò significa che esiste un’ovvia differenza di forma, dimensione o colore tra maschi e femmine e che li distingue gli uni dagli altri.

Negli otaridi, i maschi diventano da due a quattro volte più grandi delle femmine. Inoltre, la gamma di colori dei maschi è molto più ampia rispetto a quella delle femmine. In generale, gli otaridi sono animali di dimensioni più piccole e sono facilmente distinguibili dai leoni marini.

Hanno le orecchie a forma di cono all’esterno e i canini affilati simili a quelli dei cani. Queste due qualità distinguono gli otaridi dagli altri pinnipedi.

Dieta degli otaridi: otaria in primo piano
 

In generale, le pinne degli otaridi sono nere e possono essere ricoperte di pelliccia o meno. A differenza delle foche, le pinne anteriori degli otaridi sono rivolte in avanti. Ciò consente dei movimenti leggermente più aggraziati e molto più veloci sulla terra asciutta.

Gli otaridi hanno una pelliccia molto spessa. Nelle femmine questo mantello è marrone, mentre i maschi possono variare di colore, dal bianco al nero. D’altra parte, nella sottofamiglia artocefali, le femmine sono generalmente grigie con la pancia bianca, e i maschi sono bianchi, rossastri o neri.

Distribuzione degli otaridi

Gli otaridi sono distribuiti in tutto il mondo in base al loro genere. In generale, vivono agli estremi meridionali del pianeta, con pochi generi che abitano più in alto dell’equatore.

A nord dell’Oceano Pacifico ci sono quattro generi che coesistono sull’isola di San Miguel in California. Questi includono l’orso marino artico, il leone marino di Steller, il leone marino californiano e la foca di Guadalupe.

Entrambi gli otaridi delle Galapagos e i leoni marini delle Galapagos vivono in Ecuador. In America Latina vive la foca sudamericana.

A sud del continente africano è possibile trovare la foca del Capo, che è anche una sottospecie nella foca australiana. L’Australia e la Nuova Zelanda sono habitat occupati per varie specie di otaridi, sia leoni che leoni marini.

Naturalmente, oltre a tutte queste specie sono i leoni marini antartici. La foca antartica si trova di solito proprio nel punto in cui convergono l’Oceano Indiano e l’Oceano Atlantico.

Branco di otaridi
 

La dieta degli otaridi

Gli ontaridi, come le foche, sono animali carnivori. Si nutrono principalmente di pesce, calamari e krill. Oltre a ciò, le otarie consumano granchi, aragoste e gamberi. Molti otaridi sono stati avvistati mentre mangiavano pinguini e persino piccoli squali.

Un elemento curioso che è stato trovato nello stomaco degli otaridi sono delle piccole pietre. Il motivo per cui le abbiano ingerite non è stato ancora determinato. Tuttavia, i ricercatori ritengono che gli otaridi li consumino per provare sazietà nei periodi in cui il cibo è scarso.

Gli otaridi dovrebbero consumare cibo corrispondente a circa il 7% del loro peso corporeo. Tuttavia, la specie ha sofferto molto per alcuni anni. A causa del riscaldamento globale e della pesca indiscriminata, il numero di specie negli oceani è diminuito considerevolmente. Per questo motivo, hanno dovuto consumare meno cibo.

Abitudini di riproduzione

Gli otaridi sono mammiferi e, quindi, la loro riproduzione è sessuale. In generale, le otarie si radunano sulle coste rocciose per riprodursi. A differenza di altri animali, nella famiglia degli otaridi, i maschi si riproducono con diverse femmine durante lo stesso periodo.

Sebbene siano animali sociali e vivano in comunità, non hanno un sistema sociale ben organizzato. Durante la stagione riproduttiva, i maschi competono per le femmine e combattono per loro. Durante il periodo di accoppiamento, gli otaridi interrompono la dieta per concentrarsi esclusivamente sulla riproduzione.

 

La gestazione negli otaridi dura circa un anno, momento in cui le femmine daranno alla luce un solo cucciolo. Dopo la nascita dei cuccioli, le madri formano delle unità genitoriali.

Cucciolo di otaride

Le otarie tendono a formare dei gruppi di allevamento, una sorta di sistema di assistenza comune per le mamme e per i cuccioli. Le femmine si prendono cura del loro cucciolo nello stesso modo in cui si prendono cura del cucciolo degli altri. Gli obblighi di caccia e alimentazione si alternano tra le femmine dell’unità riproduttiva.

Allo stesso tempo, i maschi a cui appartiene la femmina proteggono ferocemente le unità riproduttive fino al momento dello svezzamento. I cuccioli appartengono alle unità di riproduzione fino ai due anni, quando diventano indipendenti. A partire da quel momento i cuccioli saranno in grado di nuotare da soli.

 

Biblioteca Digital ILCE “El lobo marino” www.bibliotecadigital.ilce.edu.mx/Colecciones/index.php?clave=lobmarino&pag=3

Paragonia “Características y costumbres de los lobos marinos”www.patagoniaargentina.com/e/content/lobos_ marinos.php