Pongo, il cane milionario

09 maggio, 2016
 

La bellezza del cinema sta nella capacità di raccontare storie vere o inventate, con protagonisti umani o animali, inserirle in un genere e trasformarle in un’opera cinematografica che riesca a sorprendere, almeno una parte di pubblico.

Nel mondo della settima arte, la Spagna è attualmente uno dei paesi più all’avanguardia e premiati dal vecchio e nuovo continente, grazie ad una serie di registi, attori e film che hanno portato lustro al mercato del cinema europeo.

Ha anche il privilegio di avere uno degli attori canini più noti al momento.

Parliamo di Cook, il protagonista di “Pongo, il cane milionario”, un film del 2014 che ha riscosso un buon successo, con un incasso di tre milioni di euro.

Pongo, una commedia divertente per la famiglia

Jack rusell terrier corre sul prato

Lungi dall’essere un film che si limita ad intenerire coinvolgendo gli animali nella recitazione, Pongo, il cane milionario ha una trama piacevole, che colloca questo film nel genere delle commedie divertenti adatte a tutta la famiglia, anche se rivolta maggiormente ai bambini.

I due protagonisti umani sono Iván Massagué e Patricia Conde, molto amati dal pubblico spagnolo per la loro apparizione in film, programmi televisivi e serie tv.

 

Le avventure di Pongo

Pongo è un bellissimo e vispo cagnolino milionario che conduce una vita stravagante con il suo tutore, all’interno di una grande tenuta. Una banda di malviventi lo costringe a scappare e a vivere cambi continui di famiglia, situazioni in cui il brillante cagnolino ha modo di mostrare al meglio il suo lato tenero ed ironico.

Il film, che diverte con le sue numerose scene comiche e di azione, racchiude essenzialmente il tema dell’amicizia tra cane ed essere umano.

Scritto e diretto da Tom Fernández, Pongo, il cane milionario ha ottenuto, soprattutto in Spagna, un grande successo che va al di là degli ottimi incassi al botteghino.

Il genere “film con i cani”, ultimamente un po’ in fase discendente, ha ritrovato lo slancio iniziale grazie alle avventure di Pongo, diretto con intelligenza e abilità da questo bravo regista.

I riflettori, tuttavia, sono tutti puntati su Pongo, l’eccezionale protagonista.

Cook, il cane attore

Gran parte del successo di questo film lo si deve all’attore principale, un cane spagnolo.

Si tratta di Cook, un grazioso Jack Russel Terrier di 15 anni, diventato una celebrità in Spagna con le sue apparizioni in film, serie tv, spot pubblicitari e grazie alla sua incredibile capacità di recitare e di eseguire una serie di trucchi.

I suoi padroni, Antonio e Yolanda, hanno cominciato ad addestrarlo da quando, cucciolo di 4 mesi, è entrato a far parte della loro famiglia.

jack russell terrier tra i fiori
 

Da quel momento, la sua vita è diventata una routine fatta di amore e attenzioni, ma anche di allenamento. Attualmente il cachet di Cook ha raggiunto i 500 euro per ogni giorno di ripresa.

La sua notorietà lo ha portato ad essere invitato alla presentazione dei prestigiosi Premi Goya, già nel 2010.

Sebbene sia il primo film in cui il piccoletto copre un ruolo da protagonista, Cook aveva recitato già nel film “Il diario di Carlotta”.

Il curriculum di questo bravo cane vanta, inoltre, partecipazioni a serie tv spagnole di successo, come “Los Serrano”, adattata in seguito per il pubblico italiano nella serie televisiva “I Cesaroni”, “Fisica o chimica” e tanti altri.

Film per tutti

Pongo, il cane milionario è un film per i più piccoli, ma riesce a divertire e anche un po’ a far riflettere gli adulti, su quanto siano unici e spettacolari tutti i cani.

Sicuramente è un film gradito a chi ama il genere e gli amici a quattro zampe.