Come funzionano i pronto soccorso veterinari?

05 febbraio, 2017
 

Diversi centri e cliniche veterinarie offrono un servizio di pronto soccorso operativo 24 ore al giorno. Sapete come funzionano i servizi di pronto soccorso veterinario?

I possibili incidenti che richiedono un intervento immediato sui nostri animali domestici possono essere diversi: fratture, soffocamento ed oggetti che ostruiscono il sistema respiratorio, alimenti tossici ed intossicazioni, complicazioni di alcuni problemi nel cuore della notte, etc.

È sempre in aumento il numero delle cliniche e dei centri veterinari che dispongono di un servizio di pronto soccorso attivo quando molti altri chiudono, ovvero dalle otto di sera, dal lunedì al sabato, e tutta la giornata la domenica e i festivi.

Per quanto riguarda la regolazione degli stessi, in assenza di un’unificazione nazionale, ogni servizio di pronto soccorso veterinario funziona secondo norme proprie. In determinati casi sarà lo specialista ad indirizzarci al servizio di pronto soccorso. In altre occasioni, invece, sarà il padrone dell’animale ad allertarsi e a decidere di rivolgersi allo stesso.

Trasferimento dell’animale da parte dei servizi di pronto soccorso veterinario

veterinario-pronto-soccorso
 

Determinati centri e cliniche per animali dispongono di ambulanze proprie con cui realizzare il trasferimento in caso di emergenza. Questo servizio è molto utile quando l’animale presenta problemi di mobilità a causa di un incedente, di una disabilità di cui soffre, perché è anziano, etc. Si ricorre a questi servizi anche se il padrone è una persona in età avanzata o se è privo di mezzi appropriati per trasferire il suo animale domestico.

Tuttavia, avere un’ambulanza propria non è abituale, dunque non c’è da stupirsi se sarà necessario dover ricorrere ad un taxi per portare l’animale al pronto soccorso, oppure chiedere il favore a familiari, amici, etc.

Condurre l’animale al centro di pronto soccorso veterinario è un compito molto delicato. In caso di incidente o frattura, conviene chiamare il veterinario. Il medico potrà dare alcuni consigli affinché il trasferimento in veicolo privato sia sicuro per l’animale.

In generale, bisogna considerare che se si realizza il tragitto in macchina, il cane non deve viaggiare sul pavimento. Qualsiasi frenata brusca rappresenterebbe un pericolo. L’ideale è utilizzare un trasportino adeguato o legato ai sedili posteriori.

Caratteristiche di un’ambulanza per cani e gatti

A prima vista un’ambulanza per cani e gatti non è molto diversa da quelle usate per gli umani. Tuttavia, sarà necessario realizzare alcuni cambiamenti all’interno del mezzo di trasporto veterinario al fine di adattarlo ai pazienti pelosi.

 

Il primo aspetto da considerare è lasciare spazio nella zona posteriore del veicolo, nella quale viaggerà l’animale. In questo modo, se il cane è di grandi dimensioni, sui 20 o 30 kg, può stare comodo durante il trasferimento. Le barelle vengono aperte in modo che l’animale possa godere di un viaggio confortevole e tenere le zampe stirate.

Per quanto riguarda le attrezzature necessarie per il trasporto di cani e gatti in un’ambulanza apposita, troviamo gabbie, ossigeno, materiale disinfettante, dispositivi di lettura dei microchip, bende e altro materiale ed apparecchi necessari per il pronto soccorso veterinario come trasportini, guinzagli, museruole ed imbracature di sicurezza per i cani, oltre a quanto necessario in caso di situazioni urgenti.

Determinate ambulanze, inoltre, collaborano con alcune associazioni di protezione animale.

Qualche consiglio in caso di emergenza

sharpei-veterinario

  • Bisogna essersi informati ed aver localizzato i centri e le cliniche veterinarie vicino casa che dispongono di un servizio di pronto soccorso. Il tempo può essere d’oro in certe situazioni.
  • Dovremmo avere sempre a portata di mano i numeri di telefono di questi centri. Potremmo averne bisogno nel momento più inaspettato.
 
  • Può anche succedere che alcune emergenze non siano poi così importanti. La cosa migliore da fare, se la situazione non sembra essere troppo seria, è contattare il veterinario della clinica prima di realizzare il trasferimento del nostro animale, ad esempio, nel cuore della notte.
  • Alcune assicurazioni private per cani hanno una copertura per i casi d’emergenza. È importante leggere bene i contratti, soprattutto quanto scritto in piccolo.
  • Morsi tra cani, ferite sanguinanti, parti cesarei complicati ed avvelenamenti sono i casi più frequenti in un pronto soccorso veterinario.