Scopriamo alcune curiosità sulla stella marina

13 luglio, 2020
Nonostante non abbiano le mascelle, le stelle marine sono carnivore. Inoltre, possono riprodursi per gemmazione.
 

Le stelle marine da sempre suscitano la nostra ammirazione e, se mai abbiamo avuto l’opportunità di vederle da vicino, non siamo stati in grado di evitare di prenderne una per sentirla sulla pelle. Sono innocue, morbide e misteriose. Scopriamo insieme alcune curiosità sulla stella marina.

Curiosità sulla stella marina

Non è un pesce

Sebbene il nome in inglese (starfish) possa suggerire che si tratti di pesci, le stelle marine non lo sono. Non hanno le pinne per nuotare, né la coda, che è il motore principale di un pesce per muoversi in acqua.

Per muoversi, le stelle marine usano dei peduncoli, con i quali eseguono un movimento simile al camminare.

La stella marina appartiene alla famiglia degli echinodermi

Gli echinodermi sono animali invertebrati marini che vivono sul fondo del mare. Riuscite a pensare a un modo migliore per descrivere una stella marina? Certo che no!

Sono considerati tali anche per la loro forma, con il corpo coperto da piastre calcaree e con cinque sezioni, in questo caso le loro gambe – per chiamarle in qualche modo – disposte attorno a un disco centrale.

Ce ne sono migliaia

Potremmo averne visto solo uno nella nostra vita, o addirittura nessuna, ma tutti noi abbiamo un’immagine mentale di come sono le stelle marine. Tuttavia, non possiamo nemmeno immaginare quante specie di stelle marine ci siano negli oceani. Si stima che siano circa 2.000.

Colonia di stelle marine
 

Non tutte vivono nelle grandi profondità, ma alcune vivono nelle zone intercotidali, dove le maree sono basse. D’altra parte, ci sono quelle che vivono nelle aree tropicali come i Caraibi e quelle che preferiscono i mari molto freddi.

Cinque braccia? No, di più!

Non necessariamente. Sebbene la prima cosa che viene in mente quando si pensa a una stella marina sia che abbia cinque protuberanze o braccia, ci sono specie che ne hanno molte di più. In effetti, sono stati trovati esemplari che possono avere fino a 40 braccia.

La stella marina non ha cervello

Le stelle marine non hanno testa né cervello, quindi tutti i loro movimenti sono guidati dall’istinto.

Non tutte sono rosse o marroni

Nonostante sia il colore più comune o quello che abbiamo visto di più alla televisione, la verità è che ci sono stelle marine di diversi colori. Alcune sono blu scuro, fucsia o rosa, viola, arancione o giallo. Scopriamo alcune curiosità sulla stella marina.

Curiosità sulla stella marina

Sono carnivore

Chi direbbe che degli animali dall’aspetto così carino siano carnivori? Sembra che usino le loro migliaia di piedi inferiori per catturare la preda e che non la lascino andare fino a quando abbiano finito. Non hanno nemmeno bisogno di ingerirla, poiché il loro stomaco è reversibile e possono farlo dall’esterno. Non è incredibile?

 

Molluschi e crostacei sono la loro preda preferita, anche se qualsiasi animale marino delle loro dimensioni può essere il piatto del giorno.

Riproduzione della stella marina

Si riproducono sessualmente come molte specie animali, ma la curiosità delle stelle marine è che possono farlo anche per gemmazione. Ciò significa che possono rigenerare le loro braccia, per esempio. Inoltre, sono ermafroditi.

Si rigenerano

Una curiosità interessante è che se si rompono un braccio lo rigenerano, proprio come accade a noi con le nostre unghie. Quindi, se mai vedi una stella marina con un braccio in meno, non ti preoccupare, presto l’avrai di nuovo.

Non hanno istinto materno

Molte volte abbiamo parlato del grandissimo istinto materno degli animali, ma nel caso delle stelle marine non è così. Infatti, le stelle marine non sono buone madri. Una volta che hanno deposto le loro uova, le lasciano in riva al mare e le abbandonano al loro destino, che di solito è essere mangiate da un predatore.

 
  1. B LGC, Costeros LDE, Hidrobiolog D. H ¶ abitos alimenticios de algunos equinodermos . Parte 1 . Estrellas de mar y estrellas serpiente. ContactoS. 2002;
  2. Herodotou H, Lim H, Luo G, Borisov N, Dong L. Starfish : A Self-tuning System for Big Data Analytics. Cidr. 2011;