Scoprite quali sono gli alimenti tossici per i cani

10 febbraio, 2017
 

Ci sono vari modi di alimentare i cani. Tra questi, ricordiamo le diete che assicurano di essere al 100% naturali. Una è la dieta Barf, che garantisce di nutrire gli animali con alimenti naturali, (carne cruda, verdure, etc). Però questi cibi crudi potrebbero essere tossici per i cani.

Un altro modo di nutrirli è dandogli i nostri avanzi di cibo, un’usanza molto diffusa, anche se poco raccomandabile.

Il concetto di dieta nell’alimentazione dei cani

Anche se la chiamiamo dieta, non si tratta di un piano nutritivo volto a far dimagrire il vostro animale. E’ un piano nutritivo per fare in modo che il vostro cane venga alimentato correttamente.

La prima cosa da tenere in considerazione è che gli alimenti che le persone assumono in modo abituale, per gli animali sono estremamente nocivi. Alcuni di questi sono addirittura tossici.

Gli alimenti tossici

dare-cioccolato-ad-un-cane

I cibi che sono tossici per i cani non sono mortali, però possono fargli molto male. 

Ci sono degli alimenti che non sono molto dannosi se somministrati in piccole dosi. Al contrario, se somministrati in maggiori quantità, potrebbero provocare disordini alimentari, infezioni, etc.

 

Dovete anche tenere in considerazione che non tutti i cani reagiscono allo stesso modo di fronte alle tossine di questi cibi, ma sono comunque nocivi per tutti in grandi quantità.

Alimenti dannosi per gli animali: il cioccolato

Il cioccolato è dannoso per i cani, in qualsiasi sua forma. Che si tratti di una tavoletta, di dolci a base di questo ingrediente, di biscotti al cioccolato etc. Qualsiasi prodotto che contenga cacao, cioccolato o derivati, può essere nocivo per il cane.

Perché fa così male? Perché contiene una tossina chiamata teobromina, che è innocua per le persone, però molto nociva per gli animali come i cani.

E’ una tossina presente proprio nei semi del cacao, dai quali si ottiene il cioccolato. Non esiste nessun tipo di cioccolato che ne sia esente.

Anche se il cioccolato gli viene somministrato in quantità minori, potrebbe provocargli dissenteria, vomito e convulsioni; nei casi più gravi, se somministrato in grandi quantità, potrebbe anche condurre l’animale alla morte. 

Cipolla e aglio

Entrambi gli alimenti potrebbero fare molto male ai nostri cani. Che siano crudi, cotti, in polvere o usati come condimento.

Contengono dei principi attivi che possono essere nocivi per i cani. Potrebbero provocargli una grave anemia e distruggere i globuli rossi presenti nel sangue. Inoltre, potrebbero causargli delle insufficienze renali e molti altri problemi gravi.

Nel caso dell’aglio, anche ridottissime quantità possono causare la morte dell’animale.

 

Dovete tenere in considerazione che in alcuni cibi preconfezionati potrebbero esserci delle tracce di cipolla o di aglio. 

Anche se vengono utilizzati in quantità molto ridotte come conservanti naturali per gli alimenti, non sono consigliabili per gli animali.

Se un cane mangia cipolla o aglio, non si ammala all’istante. I primi sintomi però potrebbero comunque presentarsi 4 o 5 giorni dopo.

Tra i sintomi di intossicazione che potrebbero presentarsi subito, ricordiamo un cambiamento nel colore dell’urina, che potrebbe assumere una colorazione rossa o aranciata.  

Altri alimenti nocivi per i cani: i latticini

cane-che-mangia

Quasi tutti i latticini sono nocivi per gli animali poiché contengono lattosio. Il lattosio è lo zucchero naturale che si trova nel latte, e viene assimilato dall’organismo umano grazie all’enzima lattasi.

Nei cani invece questo enzima è presente solo nei loro primi mesi di vita. Per questo motivo non riescono a digerire il lattosio presente nel latte e nei suoi derivati, che quindi provoca gravi danni al loro apparato gastrointestinale.

I sintomi dell’assunzione del lattosio potrebbero essere dissenteria, dolori allo stomaco, flatulenza, vomito o gravi problemi digestivi. 

 

Per questo, è importante che i cani non mangino questo tipo di alimenti, anche se potrebbero piacergli molto.

Non tutti i latticini sono così nocivi. Per esempio lo yogurt bianco non contiene lattosio, poiché è stato assorbito dai lattobacilli che si trovano comunemente negli yogurt.