Trucchi per far venire il cane al vostro richiamo

03 febbraio, 2017
 

Vedere che il nostro cane non risponde al nostro richiamo è una delle cose che più ci fa arrabbiare. Forse avete fatto di tutto per farlo obbedire all’ordine, ma non avete avuto successo. Ebbene, oggi vi presentiamo i trucchi definitivi per far sì che il vostro cane risponda sempre al vostro richiamo.

Sono diversi i consigli e le procedure da tenere in considerazione per far sì che un cane obbedisca all’ordine “vieni qua”. Non è facile insegnare gli ordini ad un animale, ma con un po’ di pazienza e tattica, ci potrete riuscire! Vi aiuteremo noi.

Trucchi per far sì che il cane obbedisca all’ordine “Vieni qua”

cane-gioca-col-padrone

Chiamare il vostro cane e vedere che lui vi guarda di traverso, senza dare importanza al vostro richiamo, potrebbe infastidirvi parecchio. Per questo motivo, per riuscire nell’intento, ecco tutto ciò che dovrete fare.

Prima, con il guinzaglio

La cosa migliore é che, all’inizio, vi muniate di un guinzaglio allungabile che permetta al cane di allontanarsi, per potergli insegnare l’ordine.

È importante essere consapevoli che l’animale non obbedirà la prima volta che lo chiamerete e che vi servirà del tempo per educarlo. Quindi, armatevi di pazienza, perché il vostro cane percepirà la vostra rabbia o la vostra indignazione. Se questo dovesse accadere, otterrete l’effetto contrario.

 

Effettuate lezioni brevi e frequenti con il guinzaglio, dato che gli animali hanno periodi di attenzione molto brevi. Non rimproveratelo se non obbedisce al primo ordine, perché potrebbe chiudersi a riccio nella seguente serie di esercizi. Dategli leggeri strattoni con il guinzaglio dopo aver detto “Vieni qua”, in modo che comprenda che deve muoversi.

Cercate il luogo adatto

Il luogo dev’essere un posto familiare al vostro cane e privo di distrazioni. Ciò farà sì che la capacità di concentrazione dell’animale sia maggiore. Ricordate di avvertire gli altri membri della famiglia di non intromettersi nelle lezioni, altrimenti distrarrebbero la concentrazione dell’animale.

Collaborate con lui

Non dategli l’ordine e rimanete impassibili. Collaborate con i vostri movimenti, in modo che tutto sia molto più comprensibile per lui. Ad esempio, ditegli “Vieni qua” e fate  qualche passo rapido all’indietro. Ovviamente il cane vorrà venire verso di voi.

Ripetete l’operazione varie volte dando tempo all’animale di associare la parola al movimento.

Aiutatevi con le mani

I gesti sono qualcosa che anche i cani capiscono e che possono arrivare ad associare agli ordini.

Per l’ordine “Vieni qua”, potete indicare voi stessi. Fare un gesto di invito verso di voi o mettere la mano di fronte a voi. Fatelo sempre mentre dite la parola a cui volete che il cane obbedisca, così che l’animale metta in relazione ordine e gesto e gli sarà più facile obbedire.

 

Arretrate

Un modo per rendere più semplice il compito al vostro cane è quello di fare dei passi all’indietro in modo che venga verso di voi. Ditegli “Vieni qua” mentre vi muovete e lasciate che l’animale venga verso di voi.

Usate il rinforzo positivo

Punire un cane o sgridarlo quando non obbedisce non vi porterà a nulla. Ma se premiate i piccoli successi o sforzi, il vostro cane assocerà le esercitazioni a qualcosa di positivo e sarà più disposto ad obbedire.

Aggiungete distanza e distrazioni

uomo-addestra-cane

Ciò che desiderate è che il vostro cane accorra al vostro richiamo. Quindi, per migliorare la sua obbedienza, allungate la distanza durante l’insegnamento e aumentate le distrazioni. Potreste andare in un parco, per esempio.

Una volta lì, provate a dargli ordini al guinzaglio senza muovervi. Se vi obbedisce, potreste provare una volta senza guinzaglio e vedere come reagisce. Ricordate di non allontanarvi molto, le prime volte. Che cosa ne pensate di questi trucchi?