Uno studio dimostra che le pecore riconoscono le persone

03 ottobre, 2019
In passato gli animali da fattoria non sono stati oggetto di studi cognitivi e si pensava che le pecore non fossero intelligenti. La verità è che questa specie è in grado di riconoscere i volti delle persone.
 

L’Università di Cambridge è riuscita a dimostrare che le pecore riconoscono le persone o, piuttosto, i loro volti. L’esperimento ha utilizzato fotografie di celebrità come Emma Watson, Paris Hilton o Barack Obama.

Le pecore sono animali in genere considerati poco intelligenti. Questo è probabilmente il caso di tutti gli animali da fattoria, poiché raramente è stato mostrato interesse nello studiare la somiglianza di questi animali con l’uomo.

Tuttavia, diversi studi sulle pecore dimostrano che avrebbero un quoziente intellettuale simile alle mucche e leggermente inferiore al maiale. Questo nuovo studio dimostra ancora una volta che gli animali da fattoria sono senzienti e sociali. Vediamo insieme in che modo le pecore riconoscono le persone.

Uno studio dimostra che le pecore riconoscono le persone

Ogni giorno assistiamo all’abbassarsi delle barriere tra l’essere umano e gli animali e scopriamo nuove capacità delle specie animali che pensavamo fossero appannaggio solamente dell’uomo.

In questo caso, uno studio ha dimostrato che le pecore riconoscono le persone senza problemi, oltre a ricordare i loro volti. Le otto pecore protagoniste dello studio hanno dovuto riconoscere diverse celebrità, e avevano ragione 8 volte su 10. In effetti, altri studi hanno dimostrato la loro capacità di riconoscere le espressioni facciali.

Le pecore riconoscono le persone
 

Questa capacità sarebbe collegata al fatto che le pecore sono animali sociali che devono essere riconosciuti da individui specifici all’interno del loro gruppo. Sono animali gregari abituati a vivere in grandi gruppi, abitudine acquisita dopo l’addomesticamento attraverso la transumanza.

I volti familiari

Durante lo studio, i volti sono stati posizionati con diverse angolazioni. Sono stati usati persino i volti degli studiosi, senza alcun addestramento da parte delle pecore, il che ha dimostrato di nuovo che le pecore riconoscono le persone con un’efficacia simile a diversi primati.

Pensate che, quando sceglievano i volti degli studiosi, le pecore a volte esitavano, per cui tornavano a guardare la foto sbagliata.

Va notato che le pecore dovevano essere addestrate per comprendere le dinamiche di lavoro dell’esperimento. Sebbene il riconoscimento di volti familiari fosse un’abilità relativamente nota, riconoscere anche volti di estranei sembra un’abilità di questi ruminanti.

Intelligenza della pecora

Durante l’esperimento, le pecore ricevevano un premio quando sceglievano la foto corretta, mentre per la foto errata suonava un campanello.

Cosa significa che le pecore riconoscono le persone?

La capacità di riconoscere i volti è appannaggio di pochi animali, poiché molte specie usano altri sensi e caratteristiche per riconoscere gli individui. Ad esempio, i lemuri dalla coda ad anelli usano gli odori anche per annusare la debolezza, mentre molti uccelli usano il canto.

 

Questa è un’ulteriore prova della grande intelligenza di alcuni animali da fattoria, ignorati per anni a livello scientifico ed esclusi a priori da molti studi sulla cognizione. I ricercatori suggeriscono che le pecore potrebbero essere un modello per studiare le malattie neurodegenerative come la malattia di Huntington.

Il team di studiosi ha iniziato a studiare animali che portano alla mutazione della malattia, che, tra le altre cose, influisce sul riconoscimento delle emozioni facciali. Questo studio apre nuove possibilità per le persone colpite dalla malattia, in quanto si tratta di una malattia neuro degenerativa che colpisce molte persone e per la quale non c’è ancora una cura.