La farfalla monarca e la sua sorprendente migrazione

22 ottobre, 2020
La farfalla monarca, con i suoi colori vivaci e la straordinaria migrazione annuale, è una delle creature più conosciute della natura.

Le larve della farfalla monarca (Danaus plexippus) mangiano il guscio dell’uovo da cui nascono. Tutte le larve di farfalla monarca si nutrono della pianta su cui nascono, ma non tutte intraprenderanno la sorprendente migrazione verso le terre più calde che le caratterizza.

Una caratteristica essenziale della migrazione della farfalla monarca è l’eccezionale longevità di alcuni esemplari adulti che intraprendono questo viaggio. La generazione Matusalemme, come indica il nome, ha una grande longevità e resistenza. Infatti, possono vivere fino a nove mesi, da agosto/settembre a marzo, mentre i loro omologhi nati in estate vivono probabilmente meno di due mesi da adulti.

La farfalla monarca e la generazione annuale Matusalemme

Le farfalle migranti adulte entrano in uno stato di diapausa riproduttiva. Cioè, lo sviluppo riproduttivo maschile e femminile si arresta a causa della soppressione della sintesi dell’ormone giovanile.

Pertanto, la longevità della farfalla monarca durante la migrazione è associata a due fattori: il primo è la regolazione endocrina, il secondo è associato alle proprietà ambientali dei luoghi dove riposa durante il viaggio.

Farfalla monarca.

Il percorso della migrazione

Grazie alle caratteristiche che abbiamo menzionato, questa farfalla possiede la resistenza per intraprendere un viaggio di andata e ritorno. Infatti, può percorrere fino a 4.000 chilometri dal Canada e dal nord degli Stati Uniti fino alle foreste di Oyamel nel Messico centrale e dopo alcuni mesi ritornare al punto di partenza.

La migrazione della farfalla di solito inizia verso il mese di ottobre di ogni anno, ma può avvenire anche prima se il freddo è anticipato. Durante questo viaggio, in primavera, le farfalle cominciano ad accoppiarsi in Messico. Il ritorno al nord avviene a metà marzo. Attualmente è possibile osservare il viaggio delle farfalle monarca su Google Earth.

La generazione migratoria di farfalle monarca conosciuta come Matusalemme compie l’intero viaggio da nord a sud e ritorno.

Come si orientano per trovare i luoghi di ibernazione?

L’orientamento non è tuttora ben compreso negli insetti. Nella farfalla monarca questo meccanismo è particolarmente misterioso: come riescono a geolocalizzare la piccola area che è la loro destinazione nelle montagne del Messico centrale?

La prima cosa da escludere è il passaggio di informazioni tra generazioni, poiché la farfalla migra solo ogni cinque generazioni. Pertanto, c’è da aspettarsi che questa farfalla sia dotata di uno straordinario senso di orientamento per trovare il luogo del suo letargo.

La scienza ha dimostrato che ci sono animali che usano segnali celesti (il sole, la luna o le stelle) o il campo magnetico terrestre. Altri possono utilizzare punti di riferimento (catene montuose o corsi d’acqua), luce polarizzata, percezione dell’energia infrarossa o una combinazione di questi segnali. Di tutti questi, i primi due sono considerati i segnali più probabili utilizzati dalla farfalla monarca.

Le farfalle monarca sono gli unici insetti che migrano ogni anno verso un clima più caldo a 4000 km di distanza.

Dove va la farfalla monarca nella sua migrazione?

Gli esemplari che vivono nell’est del Nord America si dirigono verso le montagne della Sierra Madre del Messico. Tuttavia, una popolazione dal 5 al 10 per cento di tutte le farfalle monarca che vivono nell’ovest dell’America del Nord svernano in California.

Cosa c’è di particolare nel luogo dove svernano?

I pendii montuosi della foresta di Oyamel offrono un microclima ideale per le farfalle. Lì le temperature vanno da 0 a 15 gradi centigradi. Occasionalmente, se la temperatura è più bassa, le farfalle monarca saranno costrette ad utilizzare le loro riserve di grasso.

L’umidità della foresta di Oyamel assicura che questi insetti non si secchino, permettendo loro di conservare la loro energia. L’abete sacro o oyamel nella lingua nativa (Abies religiosa), è un abete originario delle montagne del centro e del sud del Messico. È una conifera della famiglia dei pini ed è l’albero preferito della farfalla monarca nei luoghi di svernamento in Messico.

Farfalle monarca e migrazione.

Perché le farfalle monarca si raggruppano?

È interessante notare che questi insetti si raggruppano per riscaldarsi. Decine di migliaia di farfalle possono essere raggruppate in un unico albero. Anche se queste insetti pesano meno di un grammo, però, decine di migliaia raggiungono un peso considerevole. Gli alberi di oyamel di solito sono in grado di sostenere i raggruppamenti di farfalle, ma a volte i rami si spezzano.

Inoltre, le monarca viaggiano solo di giorno e hanno bisogno di trovare un riparo di notte. Per questo motivo si riuniscono nei luoghi di riposo. Spesso scelgono pini, abeti e cedri per riposare. Questi alberi hanno spesse chiome che moderano la temperatura e l’umidità. Al mattino, le farfalle prendono il sole per riscaldarsi.

  • Guerra, P. A., Gegear, R. J., & Reppert, S. M. (2014). A magnetic compass aids monarch butterfly migration. Nature communications, 5(1), 1-8. https://www.nature.com/articles/ncomms5164
  • Reppert, S. M., & de Roode, J. C. (2018). Demystifying monarch butterfly migration. Current Biology, 28(17), R1009-R1022. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0960982218302537
  • Herman, W. S., & Tatar, M. (2001). Juvenile hormone regulation of longevity in the migratory monarch butterfly. Proceedings of the Royal Society of London. Series B: Biological Sciences, 268(1485), 2509-2514.